Calcio

Cupello – Miglianico: le pagelle

De Cinque e Felice i migliori nei padroni di casa, Valdes il più propositivo nel Miglianico. Match teso, troppo possesso palla fine a se stesso, poche emozioni

 

“Lupo” Felice: il migliore

CUPELLO

D’Ottavioantonio sv: scrutatore non votante, come cantava qualche anno fa Samuele Bersani. 

De Cinque 6,5: spinge incessantemente sulla destra, sfiora il gol. Uno dei migliori. 

Turco 6: diligente, ordinato, difende e attacca senza picchi, ma allo stesso tempo senza commette errori di sorta.

Basso 6,5: tocca una miriade di palloni, ai quali imprime tocchi ragionati, semplici, utili ad imbastire la manovra. Geometrico. 

Giuliano 6,5: insieme a Felice compone una coppia difensiva impenetrabile. 

Felice 7: il migliore in campo, non sbaglia nulla, fondamentale nel finale con un colpo di testa ad anticipare i diretti avversari, accumulati in massa nell’area cupellese. 

Ninte 5,5: parte benino, impreciso, si perde nella ripresa.

D’Alessandro 6: si sacrifica, imposta, attacca, ma è poco incisivo.

Di Martino 5,5: attacca, si sbatte, ma è decisamente impreciso.

Tucci 6: prestazione senza picchi emozionali, fronzoli zero, palloni sbagliati pochi, forse un paio. Centrocampista di sostanza.

Berardi 6,5: spesso quinto di difesa sulla sinistra, più che generoso.

Zinni 5,5: sbaglia da pochi passi quando mancano trenta secondi al novantesimo, però è lì, il destino gli ha voltato le spalle questa volta.

Alessio De Cinque: solito treno

Antenucci 6: entra e semina il panico nella difesa ospite, sfiora il gol in diagonale. 

All. Carlucci 6: Cupello ordinato, ma è mancato quel tocco in più. Centrocampo ordinato, forse troppo. 

 

MIGLIANICO 

Ferrara 6: respinge l’unico tiro importante del match, si fa trovare pronto. 

Mennillo 6: soffre poco, difende più che bene.

Pizzica 6: argina come può le scorribande avversarie, se la cava.

Cinquino 6,5: il Cupello non sfonda ed il merito è anche suo, lavoro certosino in fase di copertura.

Grossi 6: meno appariscente, ma non per questo meno quotato del compagno di reparto.

Di Moia 5,5: non lascia un gran ricordo di sè.

Caniglia 5,5: il Cupello ha le chiavi del centrocampo, lui e Di Moia incidono davvero poco. I due aspetti sono strettamente collegati.

Battista 5: sfiora il gran gol, ma gioca più sul filo dei nervi che dell’alta scuola. 

Orta 5,5: rincorre ogni pallone, spesso a vuoto.

Valdes 6: catalizzatore di palloni, ci prova.

Polisena 5: impalpabile.

Morelli 6: concede un pizzico di frizzantezza alla manovra.

All. Pesce 6: squadra poco speculativa, rintanata, chiusa. Serviva altro. 

 

Luigi Della Penna

Redazione Vasport – redazione@vasport.it                    

Notizie più lette

To Top
error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi