Connect with us

Calcio

Caniglia, under e forte per il Lanciano. In arrivo il portiere

Published

on

Terzo movimento in ingresso per il Lanciano in Eccellenza

Antonio Caniglia è un giocatore del Lanciano. Classe 2000, dunque fuoriquota, sarà lui l’esterno basso che, con ogni probabilità andrà a fare reparto con i vari Natalini, Scudieri, Lucarino, Boccanera, De Santis.

L’arrivo in rossonero di Caniglia delinea chiaramente l’assetto tattico in mente di Alessandro Del Grosso: due under in difesa e uno in porta (nei prossimi giorni si concluderà con un estremo difensore proveniente dalla D).

Il neo terzino frentano si trasferisce in rossonero dopo aver vestito le casacche degli Allievi nazionali con le maglie di Lanciano e Pescara (in biancazzurro disputa anche la finale play-off persa poi con lo Spezia); un campionato Juniores nazionale con la maglia del Francavilla ed un campionato di Eccellenza con la maglia del Miglianico.

Lo scorso anno, proprio col Miglianico, Caniglia è stato un punto imprescindibile della squadra di Maurizio Tacchi.

Caniglia, all’occorrenza, può essere utilizzato anche come mediano; un jolly, dunque, per mister Del Grosso che, sempre nella scorsa stagione, ha disputato da centrale difensivo anche il Torneo delle Regioni con la rappresentativa Juniores allenata dall’ex rossonero Ugo Dragone, risultando uno dei migliori nella rosa che ha fatto capolinea solo in semifinale ai rigori contro la rappresentativa pugliese.

“Sono contentissimo di essere qui – commenta il neoacquisto rossonero – ho ricevuto proposte sia da altri club di Eccellenza che da un club di Serie D, ma una piazza come Lanciano non si può rifiutare mai. Cercherò di dimostrare sul campo tutto quello che valgo – prosegue Caniglia – lottando con tutte le mie forze per questi colori che, essendo di Casoli, ho seguito anche da tifoso negli anni scorsi. Non vedo l’ora di iniziare questa meravigliosa avventura”.

Parole di apprezzamento anche dal dirigente rossonero Fabio Lombardi: “L’arrivo di Caniglia non è un caso. Lo abbiamo monitorato nel corso dell’intera scorsa stagione – ha spiegato uno dei dirigenti che ha più peso all’interno della società di Fabio De Vincentiis – e sono state subito palesi le enormi potenzialità del ragazzo anche e soprattutto in prospettiva futura. Quando abbiamo offerto ad Antonio la possibilità di disputare un campionato con la casacca del Lanciano – ha detto Lombardi – non c’ha pensato un istante e ha subito accettato in maniera entusiastica questa avventura che, auspico, sia molto positiva per Caniglia e per l’intera squadra”.

Alessio Giancristofaro – alessio.giancristofaro@vasport.it