Connect with us

Calcio

Niente da fare per la Vastese: Tomassini regala il derby al Pineto

Published

on

Altra domenica amara per i biancorossi nonostante la prestazione della prima frazione. Espulso Leonetti. Domenica pausa, poi si va a Campobasso

Bolami e Scafetta con Brocco e Amaolo

Un gran bel primo tempo non è bastato alla Vastese, all’Aragona Tomassini ha fatto felice il Pineto complicando la classifica dei biancorossi. I pinetesi con il minimo sindacale concludendo una sola volta dalle parti di Selva si sono regalati lo 0 a 1 che ha chiuso l’undicesima giornata del girone F di Serie D. Un’altra sconfitta per i ragazzi del presidente Franco Bolami ma se contro Jesina e Savignanese erano state meritate oggi i biancorossi avrebbero meritato almeno un punto, tanta sfortuna in un momento complicatissimo della stagione.

Stivaletta: migliore in campo

La partita – Dopo la prestazione incolore di Savignano mister Montani torna all’antico riaffidandosi al suo fidato 433 apportando una minirivoluzione rispetto alle precedenti domeniche. Tra i pali si rivede Selva, davanti a lui guidano il pacchetto arretrato Del Duca e Sbardella con De Meio e Genny Russo sulle corsie laterali. Nel cuore del gioco c’è Capellupo a tenere in mano il pallino affiancato da Stivaletta e Palestini mentre in avanti bomber Leonetti oltre a capitan Fiore ha il supporto dell’ex Francavilla Cicerello. Amaolo imbattuto da quattro turno non ha l’esperto Amadio in mezzo al campo ma sceglie tra i pali il suo omonimo. 442 per i biancazzurri con la linea a quattro difensiva che trova gli esperti Pomante e Pepe al centro affiancati dagli under Della Quercia e Marini. Marianeschi e Antonicelli a centrocampo con i temibili Fortunato e Fratangelo sugli esterni mentre in avanti il tandem offensivo è composto da Tomassini e Cruz. Dopo un quarto d’ora soporifero i biancorossi aumentano i giri del motore trascinati da uno Stivaletta tarantolato e sempre produttivo con i suoi strappi ormai diventati un marchio di fabbrica. Proprio dai suoi piedi nasce la prima occasione, raccoglie un tiro sporco di Capellupo ma da due passi il suo rasoterra è troppo debole per impensierire Amadio. Due minuti più tardi il numero uno pinetese compie il primo miracolo di giornata negando la gioia del gol a Del Duca al termine di uno schema su punizione calciata da Capellupo. Oltre a Stivaletta ci provano anche Fiore e Leonetti ma il gol, nonostante una gran bella prova da parte dei biancorossi, non arriva. Il Pineto arroccatosi in difesa per tutto il primo tempo nel secondo minuto di recupero al primo vero affondo trova il vantaggio, un primo cross dalla sinistra di Fortunato, la palla attraversa tutta l’area, dall’altra parte c’è Fratangelo, pallone in mezzo per Tomassini che sale in cielo e sblocca il match. Selva nell’occasione rimane immobile, poi si accascia, i vastesi reclamo un contatto precedente al gol ma il fischietto tarantino convalida il gol.

Gol Pineto

Anche nella seconda frazione sono i vastesi ad essere padroni del campo, c’è un gol da recuperare e poco prima dell’ora di gioco Pomante, già ammonito nel primo tempo, entra duro su Leonetti, nessun dubbio per De Vincentis di Taranto, secondo giallo e il capitano del Pineto va sotto la doccia con mezzora d’anticipo. Amaolo deve rivedere i suoi piani e in meno di cinque minuti effettua quattro cambi, uno dopo l’altro. Risponde Montani che con l’uomo in più e il gol da recuperare appesantisce l’attacco buttando nella mischia Kone e Shiba richiamando in panchina Cicerello e Stivaletta fino a quel momento migliore in campo per distacco. Un ottimo lancio di Palestini viene raccolto con uno splendido tacco da Leonetti che dalla sinistra si accentra ma la conclusione è da dimenticare con il cecchino pugliese che si dispera. Nonostante l’uomo in più il Pineto controlla fino al triplice fischio conquistando la seconda vittoria consecutiva (imbattibilità che dura da cinque giornate). In pieno recupero secondo giallo anche per Leonetti, espulsione pesante in vista del prossimo match.

Sesta sconfitta nelle ultime dieci giornate, undicesima subendo almeno un gol, i numeri non sorridono ai vastesi che oggi complici altri risultati poco amici hanno visto complicarsi anche la classifica. Da oggi la zona playout è lontana appena due punti, la retrocessione diretta cinque, domenica prossima la Serie D osserverà un turno di riposo, poi la Vastese sarà chiamata a due trasferte consecutive. Si parte da Campobasso dove senza Leonetti servirà l’impresa ma c’è una salvezza da conquistare e i punti pesano sempre di più, non si può più sbagliare.

VASTESE – PINETO: 0 – 1

Reti: 47’pt Tomassini

VASTESE: Selva, De Meio, Di Giacomo, Capellupo, Sbardella, Del Duca, Fiore, Stivaletta (22’st Shiba), Leonetti, Palestini, Cicerello (22’st Kone). A disposizione: Patania, Russo G., Iarocci, Conti, Di Virgilio, Palumbo, Russo S. . All.: Montani

PINETO: Amadio, Della Quercia, Pomante, Pepe, Cruz (14’st Orlando), Tomassini (42’st Mazzei), Marini (15’st Massa), Marianeschi, Esposito, Antonicelli (20’st Camplone), Fratangelo (16’st Pietrantonio). A disposizione: Shiba, Festa, Di Rocco, Pietrangeli. All.: Amaolo

Arbitro: Alessio De Vincentis di Taranto (Rinaldi di Policoro e De Palma di Monza)

Spettatori: 700; Ammoniti: Pomante, Della Quercia (P), Del Duca (V), ; Espulso: 12’st Pomante (P) e 48’st Leonetti (V) per doppia ammonizione; Recupero: 2’ e 6’.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it           

Continue Reading
Advertisement
Advertisement
error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi