Connect with us

Calcio

A Jesi per ritrovare punti e sorriso: Vastese pronta a ripartire nonostante l’emergenza

Published

on

Oltre ai soliti Viscardi e Cherillo assenti anche gli squalificati Leonetti e De Feo. Jesini a secco di successi in casa da oltre quattro mesi

Ripartire un’altra volta dalla Jesina, come successo quattro mesi fa, anche se domani sarà molto più difficile.. Era il 1 ottobre, dopo due kappaò consecutivi la Vastese riuscì a battere i marchigiani(arrivati all’Aragona da imbattuti) e da lì in avanti riuscì a restare imbattuta per ben tredici giornate salendo fino all’attuale terzo posto. Quello messo in discussione dall’ultimo mese, un gennaio archiviato con tre sconfitte in quattro giornate sorridendo solo con il Pineto. Bisogna guardare avanti ripartendo dal secondo tempo di Matelica, come successo già ad Avezzano i biancorossi in casa della capolista hanno sfiorato una rimonta che avrebbe avuto dell’incredibile ma domani pomeriggio(fischio d’inizio ore 14.30) al “Pacifico Carotti” di Jesi bisognerà scendere in campo concentrati già dal primo minuto evitando un’altra rincorsa.

Meno quattro dal secondo posto e tre punti di vantaggio sul quarta piazza, l’obiettivo è aggiungere altri tre punti ai 40 finora raccolti, per riuscirci bisognerà tornare a sorridere in trasferta dove la vittoria manca da oltre ottanta giorni. Sarà sicuramente una Vastese totalmente diversa rispetto a quella vista nel periodo d’imbattibilità perché oltre ai lungodegenti Viscardi e Cherillo l’allenatore Gianluca Colavitto dovrà rinunciare a due titolarissimi: De Feo e bomber Leonetti. Assenze pesantissime che costringeranno il tecnico napoletano a rivedere i propri piani, ecco perché al momento è difficile ipotizzare quale sarà l’undici di partenza. Tra i pali nessun dubbio, spazio a Camerlengo, in difesa posti sicuri per Cane e Amelio, a sinistra ballottaggio tra De Chiara e Casciani mentre il posto al centro della difesa se lo giocano Maronilli e Iarocci. In realtà quest’ultimo potrebbe essere riproposto a centrocampo, felice fu l’intuizione di Colavitto a Pesaro e potrebbero riproporlo preferendolo sia a Di Pietro che Lucciarini in un reparto completato da Stivaletta e Pizzutelli. Davanti senza il goleador principe il peso dell’attacco sarà tutto nei piedi di capitan Fiore autore di quattro reti nelle ultime due domeniche, con lui agiranno Tedesco e Bittaye.

Di fronte i vastesi si troveranno una Jesina capace di risorgere sei giorni fa in una delle domeniche più difficili della stagione espugnando San Marino e mettendo fine al periodo no durato ben otto giornate. Due mesi e mezzo avari di successi che hanno costretto i marchigiani a scivolare nei bassifondi, il presente parla di un dodicesimo posto con 22 punti nel limbo tra salvezza diretta e griglia playout. Se la difesa ha numeri simili a quella vastese il reparto offensivo è carente, ci sono i 7 gol del ‘96 Pierandrei ma davanti stanno mancando i gol dell’esperto Trudo. Stagione travagliata e di grandi cambiamenti per la Jesina, nei giorni scorsi le quote di maggioranza della società sono passate nelle mani dell’ingegnere camerunense Andrè Keau Ngani e in panchina da luglio ad oggi si sono già avvicendati tre allenatori. Partiti con Gianangeli, è stato poi il turno di Bacci la cui avventura è durata appena dieci giorni, da metà dicembre c’è Daniele Di Donato. Dopo aver ritrovato i tre punti i marchigiani dovranno tornare ad ‘espugnare’ il “Pacifico Carotti” dove finora hanno vinto una sola volta, a fine settembre raccogliendo 14 dei 22 punti lontano da casa. Un dettaglio che potrebbe aiutare e non poco la Vastese, la Jesina non è ancora del tutto guarita, ha ancora dei punti deboli ed è lì che andrà colpita per tornare a casa con i tre punti in tasca.

Questo il probabile undici scelto da mister Colavitto: Camerlengo, Cane Maronilli Amelio De Chiara(Casciani), Iarocci(Lucciarini) Pizzutelli Stivaletta, Fiore Tedesco Bittaye.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it