Connect with us

Calcio a 5

Acqua&Sapone, rientra Stefano Mammarella per la Partitissima: “E’ un esame di maturità”

Published

on

Il portierone della Nazionale torna a disposizione contro il Sandro Abate Avellino

Stefano Mammarella comes back! Il portiere della Nazionale è pronto a riprendersi il suo posto a difesa dell’Acqua&Sapone già da domani, quando ci sarà uno scontro ad alta quota sul campo della matricola terribile Sandro Abate Avellino (ore 18). I suoi nerazzurri sono primi con dieci punti, gli irpini inseguono a quota nove e vogliono mettere la freccia al PalaCercola di Napoli (il campo prescento; arbitrano Micciulla di Roma e Davì di Bologna, crono Perona di Biella).

Coach Bellarte affronterà dunque la Partitissima con Stefano Mammarella tra i pali: dopo la Supercoppa e il primo turno di Coppa della Divisione, il portierone di Chieti aveva saltato le prime quattro giornate di serie A per un problema ad un polso. Tutto risolto, adesso: in Campania ci sarà lui tra i pali, prima di raggiungere il ritiro della Nazionale italiana assieme ad un rigenerato capitan Murilo per giocare il Main Round di qualificazione al Mondiale il 24 ottobre a Eboli.

Non vedevo l’ora, stare fuori non è mai bello. Ho lavorato duramente per recuperare più in fretta possibile, ma senza mai forzare. Questo anche grazie ai miei compagni di reparto, Mambella e Fior, che hanno giocato in queste quattro giornate in modo egregio, dimostrando – per chi ancora non lo sapesse – che sono ragazzi già pronti a fare la differenza anche in serie A. Devo ringraziare tutti i miei compagni di squadra che in queste settimane hanno fatto grandi cose, conquistando dieci punti e permettendomi di rientrare con la squadra prima in classifica”, le parole di Mammarella che arriva al PalaCercola con una settimana piena di lavoro tra i pali e l’incubo infortunio ampiamente smaltito. “Merito del prof Paolo Aiello, che mi ha aiutato a lavorare duro dal punto di vista fisico per essere subito pronto alla competizione, e di Luca Di Eugenio, con cui svolgo il lavoro specifico per portieri”.

Tutto pronto quindi per la supersfida al Sandro Abate Avellino, una neopromossa con idee molto ambiziose. “Sono una squadra forte, altro che matricola. Hanno un roster importante, con tanti giocatori che conoscono a memoria la serie A. E tra i pali c’è un top player come Molitierno, mio compagno di Nazionale, che non ha bisogno di presentazioni. Ci aspetta un primo vero esame di maturità della stagione, ma vogliamo superarlo a pieni voti”.