Connect with us

Calcio a 5

Acqua&Sapone Unigross ‘show’ a Matera

Published

on

I nerazzurri soffrono e lottano, ma danno anche spettacolo: vittoria con il punteggio di 8-3

Soffre, suda, trema, ma tiene botta e a testa alta porta via tre punti pesanti da Matera.

L’Acqua&Sapone Unigross vince 8 a 3 contro il CMB, prendendo il largo nel finale. Mammarella monumentale fino a quando il polpaccio tiene, Murilo leader silenzioso, Gui e Lukaian che si dividono i compiti in zona gol e tutta la squadra che non perde la bussola su un campo difficilissimo e scomodo.

Scarpitti – premiato con una targa dalla società del presidente Auletta prima della partita – si porta a 6 punti con due gare giocate e si prepara alla trasferta di Dosson nel migliore dei modi.

Gui si scalda dopo due minuti e mezzo e subito impensierisce Weber nel giro di trenta secondi con tre conclusioni, una delle quali fa vibrare anche il palo. Dopo 4’ cambia tutto il quartetto Scarpitti con Rafinha, Calderolli, Fetić e Lukaian. Il campo piccolo costringe i nerazzurri ad adattarsi ai ritmi da flipper dei padroni di casa. Il coach molisano chiama subito il time out per ribadire alcuni concetti sull’interpretazione della partita. Pericolo qualche attimo dopo, con Lukaian che regala il pallone agli avversari e Wilde non segna solo perché Mammarella abbassa in tempo la saracinesca. Soffrire e colpire con cinismo. La missione si compie al 7’: da una punizione laterale, la palla scorre all’indietro per Murilo che carica il suo sinistro e la mette in buca all’incrocio. Alla ripresa del gioco, Mammarella lancia subito per Gui in profondità e il bomber con intelligenza porge a Fusari la palla del raddoppio che è anche il suo primo gol stagionale e la classica rete da ex.

Il CMB non si abbacchia e si rimette a testa bassa a spingere. Subito una traversa del pescarese Galliani spaventa Mammarella e tiene svegli i nerazzurri. Lucani vicini al gol nei minuti finali, ma il portiere in società con i compagni sulla linea di porta riesce ad evitare il gol. Fa ancora meglio a 4’ dalla pausa in spaccata su Santos.

Il secondo tempo parte con un ritmo forsennato.

Well bagna il debutto italiano dopo pochi secondi sorprendendo tutti con un tocco di punta. Passano due minuti e anche Lukaian decide che è ora di sbloccarsi: gran girata da manuale per l’1 a 3. Ma la squadra di Nitti è in partita, dopo un minuto riparte forte e chiude con Pulvirenti trovando il 2-3. Non finiscono mai le emozioni e i ribaltamenti, con Mammarella che salva anche l’impossibile (poi è costretto a lasciare il campo per un fastidio muscolare, al suo posto il giovane Fior) e capitan Murilo che gioca sempre a testa alta e trova un palo clamoroso a metà ripresa. Appena il CMB comincia a perdere benzina e lucidità, Gui piazza il possibile colpo mortale del 2-4. A 5’ dalla sirena, però, Well con il tacco inventa il gol che riapre la partita. Si riversa in attacco la formazione di casa e si espone alle ripartenze. Calderolli e Lukaian eseguono alla perfezione e infiocchettano il quinto gol nerazzurro. Nitti gioca la carta Bizjak portiere di movimento per salvare la serata. Ma Gui è implacabile: suo il sesto gol con una cannonata dalla distanza. Nel finale c’è gloria anche per il 19enne Fior, che dalla sua porta calcia forte verso quella avversaria rimasta vuota: 3-7. Arrotonda Coco Wellington a pochi secondi dalla sirena. Sipario.

CMB MATERA- ACQUA&SAPONE UNIGROSS 3-8 (p.t. 0-2)

CMB MATERA: Weber, Cesaroni, Wilde, Santos, Rocha, Galliani, Pulvirenti, Toni, Nucera, Well, Yera, Perrucci, Bizjak. All. Nitti

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Marrazzo, Fusari, Murilo, Calderolli, Coco Wellington, Gui, Mambella, Fior, La Bella, Fetić, Rafinha, Dudu, Lukaian. All. Scarpitti

ARBITRI: Di Guilmi di Vasto, Andolfo di Ercolano, crono Villanova di Bari

MARCATORI: nel p.t. 7’ Murilo (A), 7’20’’ Fusari (A), ; nel s.t. 30’’ Well (CMB), 2’ e 16’ Lukaian (A), 3’ Pulvirenti (CMB), 12’21’’ e 17’ Gui (A), 15’ Well (CMB), 18’ Fior (A), 19’ Coco Wellington (A)

NOTE: espulsi Pascale (dirigente CMB, per proteste); ammoniti Fusari (A), Pascale (dirigente CMB), Lukaian (A), Fetić (A), Wilde (CMB), Perrucci (CMB)

Redazione Vasport – redazione@vasport.it