Connect with us

Calcio

Alla scoperta di Sada Sanyang, difensore del San Vito 83: “Il calcio mi aiuta tantissimo”

Published

on

Presso la struttura di Torino di Sangro gestita dal consorzio “Matrix” abbiamo incontrato Sada Sanyang, difensore gambiano in forza al San Vito 83 squadra facente parte del Girone B del campionato di Prima Categoria

 

Sada, che ad ottobre dell’anno scorso ha compiuto 22 anni, è arrivato in Italia quattro anni fa e da tre è ospite della struttura di Torino Sangro. La passione per il calcio è travolgente in lui e lo si vede subito dalla voglia che ha di raccontare le sue esperienze in questo ambito. Ci salutiamo ed iniziamo la nostra chiacchierata. Sada è sempre sorridente ed appare visibilmente emozionato.

Per prima cosa ci tiene a ringraziare tutti gli operatori della struttura che lo fanno sentire come a casa: “Mi trovo bene, tutti gli operatori si comportano in modo corretto con me”. Anche a San Vito lo hanno accolto al meglio: “Gioco nel San Vito da due anni. Mi sposto in treno per andare a fare gli allenamenti tre volte a settimana lì al campo. Abbiamo un gruppo Whatsapp e lì ci organizziamo per le trasferte. Il Presidente Valerio Catenaro scrive sempre e ci organizziamo, spesso qualcuno mi viene a prendere direttamente qui in struttura. Mi trovo benissimo e gioco come difensore centrale. Quest’anno stiamo lottando per la salvezza, mentre lo scorso anno abbiamo fatto ben 40 punti”.

Sada ci dice che ha sempre giocato a calcio anche nel suo Paese, il Gambia, e ci racconta i suoi idoli calcistici: “Mi piace il Barcellona e Messi è il mio giocatore preferito, mi piace seguire le loro partite. Umtiti anche mi piace molto e prendo spunto da lui quando gioca perchè ha il mio stesso ruolo in campo. In Italia seguo tanto le partite della Juve”.

Oltre al calcio Sada è impegnato anche in alcuni lavori in campagna che lo tengono in attività per tutto il giorno: “Lavoro in campagna insieme ad un signore di Rocca San Giovanni. Negli ultimi giorni non ho potuto lavorare a causa del brutto tempo”.

A Sada manca la famiglia, ma il calcio e il lavoro lo tengono occupato e non lo fanno pensare ai problemi che ha dovuto affrontare in passato: “Non mi piace stare fermo qui a non fare niente. Il calcio mi aiuta tantissimo e tra allenamenti, partite e lavoro sono sempre occupato e riesco a passare il tempo. Mi vogliono tutti bene e questo mi aiuta molto. Ho conosciuto tante persone a San Vito sia lo scorso anno che quest’anno”.

Quando ci parla del suo Paese ci confida, con parole commosse, che il suo sogno un giorno è quello di poter tornare a casa sua e poter riabbracciare tutti i suoi cari, ma che ora la situazione non è bella. Sada qui è lontano dalla famiglia e dalle sue tradizioni, ma ha tanta gente che si prende cura di lui e che lo aiuta ogni giorno. Ed il calcio, come ogni sport, è un mezzo sociale importantissimo per l’integrazione. A San Vito lo sanno e lo hanno accolto al meglio da due anni a questa parte.

 

Andrea Giove – andreagiove@vasport.it