Connect with us

Calcio

Antonio D’Allocco: “Con la Pro Vasto tante gioie. Gioco e alleno, il calcio mi diverte ancora”

Published

on

Il trentottenne foggiano si diverte in Molise con il Guglionesi. Dal 2001 al 2006 a più riprese un’ottantina di presenze in biancorosso

Arrivato a Vasto da interessante under proveniente dal Foggia, a distanza di diciannove anni voglia di smettere non c’è. Antonio ‘Tonino’ D’Allocco, 38 anni compiuti qualche giorno fa, è un altro di quelli che a Vasto viene ancora oggi ricordato positivamente.

Quasi 80 presenze in tre tranche, sempre titolare nella prima esperienza datata 2001/2002 chiusa con la salvezza, grande protagonista nel 2005/2006 e poche apparizioni prima di salutare nel 2004/2005. Non solo Pro Vasto, una carriera che lo ha visto raccogliere oltre 300 presenze tra C1 e C2 senza dimenticare le 100 (e più) in Serie D. Oggi a distanza di quasi quattordici anni dalla sua ultima apparizione all’Aragona vive a pochi chilometri da Vasto, a Termoli dove con la sua compagna hanno deciso di investire nel settore turistico. Come detto però al calcio non rinuncia, da tre stagioni indossa il neroverde del Guglionesi (Eccellenza molisana) e da settembre ha iniziato il percorso da allenatore guidando la juniores guglionesana.

Antonio D’Allocco, l’emergenza Coronavirus quanto sta pesando in queste lunghe settimane? “Tantissimo, calcio e non solo. Da qualche anno lavoriamo anche nel settore turistico, con l’estate sempre più vicina le problematiche sono su più fronti. Non so quando, spero nel più breve tempo possibile, ma si dovrà per forza ripartire, non stiamo vivendo una bella situazione”.

Pensando al calcio, si tornerà in campo già nelle prossime settimane o si deve guardare alla prossima stagione? “Mi accodo a quanto già detto da molti, la salute viene prima di tutto, bisogna incanalarsi verso la normalità, solo così si potrà tornare a giocare. Parlo per il campionato che affronto, in Eccellenza molisana mancano sette partite, in un mese infilando un paio di turni infrasettimanali finirebbe tutto e i verdetti li darebbe il campo. Quindi sì, spero si torni in campo per completare questa stagione”.

38 anni compiuti qualche giorno fa ma fino allo stop obbligatorio per tutti eri ancora protagonista in campo da giocatore, gli stimoli non mancano? “Il calcio è una delle mie più grandi passioni, mi diverto ancora andare al campo, godermi lo spogliatoio e dare il massimo in campo. In carriera per fortuna non ho mai sofferto di gravi infortuni, questo sicuramente più ha permesso di giocare con una buona continuità fino a oggi e vedo ancora lontano il giorno in cui dovrò appendere le scarpette al chiodo”.

Ti diverti ancora da giocatore ma nel frattempo inizi a prendere dimestichezza anche da allenatore, come sta andando questa nuova avventura? “Sono contento dell’opportunità che mi sta dando il Guglionesi, è una realtà che mi piace. Con i neroverdi gioco in prima squadra e dall’estate scorsa alleno la juniores, una bella esperienza ma sono solo all’inizio e c’è ancora tanto da imparare”.

Foggiano doc ma da anni trapiantato stabilmente a Termoli, con i rossoneri sei cresciuto esordendo in C prima dell’inizio della tua prima esperienza a Vasto, chi eri nel 2001/2002? “Un giovane under con tantissima voglia di imparare e crescere. Quell’anno ho avuto la fortuna di lavorare con mister Giacomarro che aveva grande fiducia in me. Allenatore tosto, mi ha insegnato parecchio, diciamo che da under mi ha iniziato a far ragionare da ‘grande’ “.

In quella stagione una salvezza arrivata con qualche difficoltà di troppo, poi ancora Foggia e di nuovo Vasto, anche se per poco, cosa successe nel 2004/2005? “Diciamo che quelli sono i mesi a Vasto che ricordo con meno enfasi. Quei periodi fanno parte del calcio, vanno messi in preventivo ma per fortuna, nella stagione successiva ho avuto l’opportunità di rifarmi”.

Sì perché, dopo l’esperienza in Versilia, nel 2005/06 di nuovo all’Aragona, 36 partite su 36, quali pensieri tornano in mente? “A Vasto per distacco il periodo più bello ma anche pensando alla mia carriera faccio fatica a ricordare una stagione così esaltante. Spogliatoio unito come quello non ne ho ritrovati più, è stata la vera arma in più per arrivare così in alto”.

In alto ma ripensando al playoff con il Rende si poteva fare di più? “In quelle partite il dettaglio fa la differenza, nei 180 minuti meritavamo noi di andarci a giocare la finale ma rammarico è una parola troppo grande. Ricordo un cammino per arrivare fin lì pazzesco, in campo eravamo un’orchestra perfetta, in certe partite, contro gli squadroni di quel girone, facemmo capire anche nelle loro tante, pensando a Gallipoli e Taranto, di poter essere al loro pari”.

Orchestra perfetta diretta da Danilo Pierini, quanto è stato importante il suo impatto sulla panchina biancorossa? “Un altro grandissimo allenatore con cui avuto la fortuna e il piacere di lavorare. L’artefice di quella stagione è stato lui, un giocattolo costruito per meriti suoi, le basi di quel gruppo solido le mise lui. Ci faceva sudare ma ha saputo tenere il gruppo unito dall’inizio alla fine della sua esperienza a Vasto”.

Due anni e mezzo a Vasto, è una piazza a cui oggi sei legato? “Come non esserlo, i tifosi mi hanno sempre trattato al meglio, dentro e fuori l’Aragona. Una piazza che mi riporta alla mente tanti ricordi, sono felice di aver dato il mio contributo ai colori biancorossi, una piazza a cui auguro di togliersi grandi soddisfazioni”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it