Connect with us

Calcio

Benedetti: “Il Vasto Marina crede nella salvezza! Periodo nero ma ne usciremo al meglio”

Published

on

Il capitano biancazzurro, tornato in campo dopo i due mesi di stop, punta sul gruppo pronto a riaccendersi dopo la sosta

La voglia di riconquistare i tre punti stoppata dall’emergenza Coronavirus. Dopo 90 giorni di digiuno era tanta la voglia della Bacigalupo Vasto Marina di ritrovare la vittoria ma domani, non si giocherà nessuna partita in casa del Paterno ultimo in classifica e già retrocesso matematicamente da una settimana.

Massimo campionato regionale fermo come tutti gli altri, impianti sportivi chiusi e si attendono le decisioni su quando si potrà tornare in campo a pieno regime. Rispetto a un anno fa il mondo dei vastesi si è capovolto, nel 2019 marzo era un mese esaltante, la splendida cavalcata in Promozione centrando il salto in Eccellenza senza neanche dover passare per i playoff. Cammino imponente continuano anche nella prima parte della stagione in corso da settembre a inizio dicembre togliendosi lo sfizio di acciuffare il primo posto ed espugnare il campo della corazzata e capolista Castelnuovo lanciata verso la promozione in D. Poi negli ultimi tre mesi? Zero vittorie, due punti conquistati in dodici giornate e appena quattro gol realizzati. In mezzo le cessioni pesanti (Cesario, Cernaz e Mangiacasale) a cui si sono aggiunti infortuni pesanti che hanno resto ancor più complicato il girone di ritorno.

Tra questi il più serio quello che ha costretto a uno stop di quasi due mesi il capitano Vincenzo Benedetti, una delle colonne portanti dei biancazzurri. Venticinque giorni fa sua moglie Martina ha dato alla luce la primogenita Beatrice, spera di realizzare un gol da dedicare alla sua piccola ma quel gol avrebbe un peso importante anche per la squadra. Ci mette la faccia in un momento delicato, senza nascondersi lo definisce “periodo nero“, dal quale sono sicuro ne usciremo per andarci a prendere quello che meritiamo.

Dalle zone nobili il presente parla di un terzultimo posto a meno tre dal penultimo e altrettanti dalla zona salvezza. “Avremmo affrontato il Paterno – le parole di Vincenzo Benedetti – affamati come non mai, fermarsi è giusto ma quella voglia sono sicuro che l’avremo anche quando si tornerà in campo. Inutile fari calcoli, ci servono più punti possibili e servirà sbagliare il meno possibile per cancellare definitivamente questo periodo nero”.

Nel ultimi due mesi i compagni li ha dovuti seguire da fuori a causa di un infortunio muscolare: “Mi è pesato tantissimo stare fuori così a lungo, non ci ero abituato. L’infortunio al polpaccio è stato più grave del previsto, ho provato a dare il mio supporto negli allenamenti e nelle partite stando sempre al fianco dei miei compagni ma non è bastato. Finalmente sono tornato in campo e nelle ultime partite che restano cercherò di dare nel migliore dei modi il mio aiuto”. La vittoria manca da novanta giorni e un gruppo parecchio giovane ne sta risentendo parecchio ma capitan Benedetti garantisce per tutti: “Noi ci crediamo e ci crederemo fino alla fine, salvezza diretta o attraverso i playout adesso ci interessa poco, pur essendo ora un gruppo giovane e con poca esperienza nelle ultime sei giornate daremo tutto per restare in Eccellenza, ce lo meritiamo”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it