Connect with us

Calcio

Biagianti: dopo l’addio al Catania tra rabbia e lacrime, perché non chiudere da dove tutto ha avuto inizio?

Published

on

La conferenza stampa del centrocampista toscano sta facendo il giro del web. Dopo 13 stagioni non giocherà più con i catanesi. Dovrebbe smettere ma sarebbe bello rivederlo ancora in biancorosso

Biagianti: 284 presenze con il Catania

Dopo 12 stagioni, 284 presenze e 12 gol Marco Biagianti, a sorpresa, ha dovuto rinunciare al “suo” Catania. Una scelta tutt’altro che personale, fosse stato per lui avrebbe chiuso la carriera con la maglia rossoblù, più di una seconda pelle per lui arrivato in Sicilia nel gennaio del 2007 ed entrato, a pieno titolo, nel cuore dei catanesi.

Volendo riavvolgere il nastro a quel gennaio di tredici anni fa la storia d’amore tra il centrocampista toscano e il Catania partì in realtà da Vasto, in biancorosso Biagianti fu protagonista, in C2, di una stagione e mezza pazzesca tanto da meritarsi il triplo salto fino alla Serie A. Arrivò all’Aragona nell’estate del 2005 grazie alla splendida intuizione dell’allora Ds Maurizio Natali che lo prese, a titolo gratuito (o quasi) dalla Fiorentina. 50 presenze con l’allora Pro Vasto prima di volare in Serie A. Quell’anno e mezzo lo abbiamo raccontato cinque mesi fa nel corso di una lunga intervista (leggi). Riuscendo ad imporsi in campo con il Catania anche nelle categorie più nobili entrando in piena sintonia con tutto il popolo catanese.

A Vasto 50 presenze

Mai avrebbe immaginato che la sua lunga storia con gli etnei si potesse concludere nel peggiore dei modi, un addio tra rabbia, commozione e lacrime come si è visto nel corso della conferenza stampa che Biagianti ha tenuto qualche giorno fa per chiarire i motivi del divorzio e salutare i tifosi rossoblù. Quasi sei minuti in cui non sono mancate pause per la commozione, avrebbe voluto giocare un ultimo anno con la maglia del Catania e poi chiudere definitivamente da calciatore. Ad ascoltare le sue parole l’addio al calcio giocato sembra anticipato al presente: “Se non c’è questa possibilità non vedo perché devo andare ancora avanti. Mi hanno chiamato un po’ di squadre, ma non avrò ripensamenti”.

Ecco, nel calcio come nella vita vale la regola del “mai dire mai”, volendo provare a fantasticare verrebbe da pensare che sarebbe bellissimo rivedere Marco Biagianti per un ultima stagione con la maglia biancorossa (oggi della Vastese), tutto il bello del calcio per lui è inizio dall’Aragona, perché non sognare una chiusura definitiva del cerchio ancora a Vasto?

La conferenza stampa integrale di Marco Biagianti (da Unica Sport):

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it