Connect with us

Basket

Brajkovic: “Felice con la Vasto Basket. Grazie Goran, Andrea e Vins. Ragioniamo un passo alla volta”

Published

on

Il venticinquenne croato è stato decisivo nell’ultimo match giocato dai biancorossi lo scorso 23 febbraio al PalaBcc

L’emergenza Coronavirus sta limitando tutti gli sport ai piani più alti e ha soprattutto, almeno per il momento, fermato del tutto gran parte delle altre categorie. In tutte le regioni, non da meno Abruzzo e Marche, alla quale si rifà la Generazione Vincente Vasto Basket inserita nella C Gold gestita dalla Fip marchigiana. Non si è giocato domenica 1° marzo a Osimo, non si giocherà neanche questa sera al PalaBcc il match che i biancorossi avrebbero dovuto affrontare contro la Sambacanestro. Due partite rinviate a data da destinarsi, l’obiettivo è quello di portare a termine tutti i campionati con la stagione pronta ad allungarsi o verranno inseriti dei turni infrasettimanali.

In questi giorni il gruppo agli ordini di coach Del Vecchio ha continuato ad allenarsi con l’obiettivo di farsi trovare più pronti che mai quando si tornerà in campo per la conquistata dei due punti. Quelli arrivati con pieno merito domenica 23 febbraio quando i vastesi sul parquet del PalaBcc si sono imposti con pieno merito sul Pisaurum. A fare la voce grossa due settimane fa non è stato il solito Goran Oluic, il suo approccio non è mai mancato ma lo scettro di top scorer glielo ha sfilato il suo compagno di squadra Jure Brajkovic.

Il venticinquenne croato arrivato a Vasto a gennaio è stato grande protagonista con 16 punti, giocate mai banali e canestri pesanti in momenti delicati del match. Dopo le esperienze con Lecce (dove ha incrociato l’ex biancorosso Sandro Di Salvatore) e Lumezzane, l’ala forte da due mesi si è tuffato nel mondo vastese. Ha mostrato i muscoli contro gli umbri e appena si tornerà in campo, Brajkovic, cercherà di regalare altre gioie alla Vasto Basket.

Jure Brajkovic, nell’importante vittoria su Pisaurum hai messo la tua firma in calce, soddisfatto di essere stato fondamentale per la vittoria della Vasto Basket? “Sono venuto a Vasto per essere felice e regalare felicità, è stata una bellissima domenica ma lavoro per regalarne altre”.

Canestri pesanti in momenti delicati del match, hai infiammato il PalaBcc, il calore del pubblico vastese ha trascinato anche voi in campo? “Ambiente splendido quello del PalaBcc, ci sostengono sempre, contro Pisaurum ancora di più, ci hanno incoraggiato e spero continuino anche nei prossimi incontri”.

Top scorer in una squadra dove c’è il gigante Oluic, quanto ti sta aiutando dentro e soprattutto fuori dal campo? “Devo dire più di un grazie a Goran, la sua presenza ha facilitato di molto il mio inserimento. Uno splendido amico e grande giocatore”.

Un paio di settimane con coach Ambrico e da un mese e mezzo si lavora con Mike Del Vecchio, com’è cambiato il vostro modo di giocare con il cambio in panchina?  “Due mesi complessivi sono troppo pochi per dare giudizi definitivi su l’uno o l’altro. Con Ambrico mi sono allenato per poco tempo, per questo non posso notare la differenza tra lui e Del Vecchio. Questo è un gruppo che ha sempre lavorato duro, in tutti gli allenamenti”.

A gennaio non eri ancora a pieni giri, ora stai meglio e sul parquet si vede, sei al top della forma o al pubblico vastese prometti un ulteriore accelerata per il finale di stagione? “Nessun problema fisico particolare ma non ero ancora al massimo della forma, ora sento di stare meglio, non ancora al 100% ma non manca molto per arrivarci”.

9° in classifica tra zona salvezza e rischio playout, sarà importante blindare la permanenza in C Gold o lavorerete per acciuffare quei playoff oggi lontani appena due punti? “Il rischio playout non lo prendo in considerazione, è il momento di ragionare di partita in partita, la classifica finale consegnerà il verdetto, se riusciremo ad acciuffare i playoff li affronteremo con grande carica”.

A Vasto da due mesi, lontano dal parquet come riempi le tue giornate? “Sono contento di potermi godere questa splendida città con un mare bellissimo, quando non mi alleno mi piace passeggiare per Vasto e scoprire nuovi luoghi”.

Tra i tuoi compagni, Oluic a parte, qual è quello con cui hai legato di più? “Tutti bravi ragazzi ma vorrei evidenziare la figura di Andrea Marino, lui c’è sempre quando ho bisogno di qualcosa. Impossibile poi dimenticare Vins (Dipierro, ex giocatore, oggi preparatore atletico), lui è di grande supporto per tutto il gruppo”.

Da piccolo chi ti ha fatto innamorare del basket? “Tutto merito di mia madre, è stata lei ad iscrivermi nella scuola di basket del mio paese e da allora la palla a spicchi non l’ho mai più lasciata”.

Pensando al tuo futuro cercherai di importi qui in Italia dove vivi da un anno e mezzo o ti vedi in un’altra nazione per continuare a crescere come uomo e come cestista? “Non ancora lo so, dipende da tanti fattori, è ancora presto per decidere. Ora mi godo il presente qui con la Vasto Basket, al futuro ci penseremo quando sarà il momento”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it