Connect with us

Calcio

Brutto Pescara: la Reggina vince 3-1

Published

on

Galano sbaglia un rigore sullo 0-0, poi i calabresi di Toscano prendono il largo

Pomeriggio da dimenticare per il Pescara che perde nettamente (3-1 il punteggio finale) la sfida in trasferta con la Reggina. Netta la vittoria degli amaranto di casa che indirizzano la gara a loro favore già dopo i primi 45′ chiusi sul più che confortante punteggio di 3-0.

La partita. Mister Oddo, dopo il pari all’esordio con il Chievo e la ‘faticaccia’ di Coppa con il Notaresco, schiera i suoi rimodellando il centrocampo dove Memushaj e Busellato giocano ai fianchi di Valdifiori e con Maistro assieme a Galano a sostegno di Ceter in avanti. Dall’altra parte, in attacco, tandem di esperienza e qualità per Toscano con l’ex Roma, Milan e Paris Saint Germain Jeremy Menez assieme a German Denis (72 anni in 2).

Sabato da dimenticare per mister Oddo

L’inizio è vivace. La Reggina ci prova subito con Loiacono, al 2′, gran destro non di molto fuori. Al 17′ episodio che avrebbe potuto incanalare la sfida su un altro binario: per un trattenuta su Scognamiglio l’arbitro assegna il rigore al Pescara. Dal dischetto, però, Galano spedisce la palla sul palo. Passano poco più di 5 minuti e la squadra di casa trova la via del gol: Fiorillo para alla grande su Denis, ma non può nulla sulla ribattuta di Liotti che calcia con precisione sotto la traversa. Altri 5 minuti ancora ed ecco il raddoppio, è sempre Liotti a mettere il pallone in porta facendosi trovare pronto sulla palla respinta dalla traversa dopo una conclusione di Menez. E’ lo stesso Menez, poi, ad un minuto dall’intervallo, ad andare a bersaglio (gol ‘bis’ dopo quello della settimana scorsa con la Salernitana) per il 3-0 che chiude un primo tempo da incubo per i biancazzurri.

Nella ripresa Oddo cambia il terminale in attacco, inserendo Asencio al posto di Ceter, ma la ‘musica‘, almeno inizialmente, non cambia. Al 25’ accorcia le distanze il Delfino, con Maistro, uno dei pochi a salvarsi tra i biancazzurri, che infila all’incrocio con una bella conclusione da posizione defilata su assist di Asencio.

E’ l’ultimo sussulto, con la parata di Fiorillo nel finale su Mastour che evita un passivo ancora più pesante, di un match praticamente a senso unico: gode la Reggina, si lecca le ferite il Pescara. Dopo la sosta, il 17 ottobre, sfida all’Adriatico contro l’Empoli.

Reggina-Pescara 3-1

Reti: 23′ e 28′ Liotti, 44′ Menez, 25′ st Maistro

Reggina (3–4–1–2): Plizzari; Loiacono, Gasparetto (1′ st Cionek), Rossi; Rolando, Bianchi (12′ st Faty), Crisetig, Liotti (12′ st Di Chiara); Bellomo; Menez (36′ st Mastour), Denis (23′ st Lafferty). A disp.: Guarna, Farroni, Delprato, Stavropoulos, De Rose, Folorunsho, Vasic. All. Toscano

Pescara (4–3–2–1): Fiorillo; Bellanova (12′ st Masciangelo), Drudi, Scognamiglio, Jaroszynski (27′ st Bocchetti); Memushaj (20′ st Bocic), Valdifiori (12′ st Omeonga), Busellato; Galano, Maistro; Ceter (1′ st Asencio). A disp.: Radaelli, Sorrentino, Elizalde, Ventola, Leandro Fernandes, Riccardi, Capone. All. Oddo

Arbitro: Marini di Roma

Foto dalla pagina Facebook Pescara Calcio

Redazione Vasport – redazione@vasport.it