Connect with us

Volley

Campionati di categoria, tante difficoltà ma grande voglia di ripartire

Published

on

Seconda fase al via per 77 squadre

Al via la seconda fase dei campionati di categoria, femminili e maschili, nella quale parteciperanno 77 squadre.

Nella prima fase hanno partecipato solo alcune formazioni, mentre in questa si entrerà nella parte viva della stagione 2020/2021. Purtroppo, si registrano “perdite” importanti per il movimento per via della pandemia. Mancano impianti, molte società sono state costrette a ritirare le squadre e molte famiglie hanno preso la decisione più difficile, cioè quella di non far riprendere l’attività sportiva ai propri figli.

Alcuni campionati sono stati sospesi, come ad esempio la Prima, Seconda e Terza divisione solo per fare un esempio della gravità della situazione. Ad oggi in ogni caso si svolgeranno 11 campionati di categoria (5 femminili e 6 maschili) per quanto riguarda il territoriale Sud-Est.

C’è preoccupazione, ma al tempo stesso c’è tanta voglia di ripartire nel miglior modo possibile, spinti dalla passione e dall’amore per lo sport, come testimoniano le parole del presidente del Comitato territoriale Fipav Sud-Est Mattia Di Gregorio: “Finalmente qualcosa si muove. Le associazioni del territorio, tra mille difficoltà e giuste paure, hanno davvero fatto di tutto per non mollare e cercare di garantire un futuro sportivo ai nostri tesserati. Lo stesso, purtroppo, non può dirsi per la pubblica amministrazione che, quando è troppo distante dalle esigenze dei cittadini, arriva ad assumere atteggiamenti incomprensibili e a trincerarsi dietro soluzioni che, in realtà, soluzioni non sono. E’ il caso della “questione impianti sportivi” che coinvolge, purtroppo, entrambe le province di Pescara e Chieti.

Nel primo caso, tutte le palestre provinciali non sono mai state assegnate e tutt’ora ne è assolutamente impedito l’utilizzo, anche quando le scuole sono chiuse; nel secondo caso, l’ente ha stilato un protocollo di sanificazione a mezzo di società specializzate (adempimento non richiesto in nessun esercizio pubblico) che di fatto rende impossibile fruire delle strutture per eccessiva onerosità. Anche il Coni – conclude Di Gregorio – è stato investito della questione, ma ad oggi non si registrano soluzioni concrete. E noi siamo fermi, con gli impianti vuoti”.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it