Connect with us

Calcio

Ecco il big match: Casalbordino a Sulmona per chiudere i giochi

Published

on

Prima e seconda divise da 11 punti. C’è l’ex Soria, i giallorossi ritrovano Fusaro, Fieroni e Palumbo

Benedetto: difensore goleador

+14, +11 o +8. Tre strade, due sorriderebbero al Casalbordino, la terza aumenterebbe le speranze di rimonta dell’Ovidiana Sulmona. Ormai ci siamo, ancora un giorno, poi si troveranno una di fronte all’altra prima e seconda classificata del girone B di Promozione. 60 a 49, Divise da undici punti e pronte per il duello principe della venticinquesima giornata (fischio d’inizio ore 15) con i biancorossi che dopo mesi in esilio torneranno nella loro casa.

Tutto pronto, con il “Pallozzi” vestito a nuovo (via l’erba naturale, dentro il sintetico) i padroni di casa cercheranno di battere la prima della classe e portarsi a meno otto. Dall’altra parte i giallorossi andranno a Sulmona con l’obiettivo di mantenere l’imbattibilità potendo contare sui due risultati su tre, con un pari tutto resterebbe invariato ma la vittoria vorrebbe dire volare a più quattordici con poi sole nove giornate da disputare. Un pareggio prezioso (1-1) i casalesi lo conquistarono già un girone fa quando bomber Fieroni al novantesimo riacciuffò i biancorossi passati in vantaggio nel primo tempo con Gonzalez. Il cecchino pugliese tornerà dal primo minuto e punta a vincere il duello a distanza con il capocannoniere del girone Aquino autore finora di 19 reti. Tre in più di Fieroni che dopo un inizio a velocità impressionante ha firmato un solo gol nelle ultime sette giornate. Diverso il cammino del centravanti dell’Ovidiana, partito piano ne ha infilate ben sedici di reti nelle ultime dodici giornate.

L’allenatore Gianni Borrelli può sorridere perché oltre Fieroni, rispetto al match vinto contro il San Salvo, dal primo minuto sicuramente tornerà anche Fusaro ma non Letto ancora fermo a causa di una botta accusata durante il riscaldamento contro i sansalvesi. Vive un ottimo momento di forma l’ex di turno Peppe Soria che in biancorosso qualche stagione fa salì dalla Promozione all’Eccellenza e a distanza di dieci anni vuole concedere il bis in giallorosso.

Aquino e Fusaro: ‘nemici’ per 90 minuti

Tra i pali intoccabile Salvatore, la difesa casalese non subisce gol da tre giornate (uno solo incassato nelle ultime sette) e il portiere pennese in nove presenze ha raccolto la bellezza di sette ‘clean sheet’.

Se i casalesi oltre al primo posto comandano anche la classifica dell’attacco più prolifico e la difesa meno perforata l’Ovidiana Sulmona è costretta ad inseguire su tutte e tre i fronti, per questo scenderà in campo con un solo risultato a favore. La vittoria, anche il pari servirebbe a poco. I biancorossi, come i casalesi, possono contare su una rosa esperta in ogni reparto, a partire dalla porta dove ci sarà il classe ’95 vastese doc Lorenzo Cattafesta, ‘sprecato’ per la categoria. Passando all’attacco due bocche di fuoco come il già citato Aquino e il francavillese Fabio Lalli (già 5 gol da dicembre) farebbero parecchio comodo a società d’Eccellenza. Con loro ci sarà il forte Marino, a centrocampo è arrivato Carlos Salas Garcia per sostituire l’infortunato Morelli e dal primo minuto si rivedrà Pacella. In difesa sulla corsia laterale c’è l’ex Vastese Scutti e al centro della difesa agirà Tuzi.

10 vittorie e 2 pareggi nelle partite ‘casalinghe’, l’Ovidiana Sulmona vorrà onorare al meglio il ritorno al “Pallozzi” ma di fronte si troverà i giallorossi affamati come non mai. Sarà una domenica fondamentale, quasi decisiva, il Casalbordino vuole chiudere i giochi per iniziare a vedere sempre più da vicino l’Eccellenza.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it