Connect with us

Ciclismo

Giro d’Italia, casi positivi al Covid: una squadra lascia la corsa

Published

on

Due corridori e sei membri dello staff in isolamento dopo la serie di tamponi (571 in tutto) degli ultimi due giorni in Abruzzo

In conformità con il protocollo sanitario del Giro d’Italia, sviluppato in accordo con l’UCI (Union Cycliste Internationale) e in linea con le misure di contenimento dettate dal Ministero della Salute, tutte le squadre (corridori e staff), attualmente in Abruzzo per le tappe San Salvo-Roccaraso e Lanciano-Tortoreto, sono state sottoposte ai test Covid nei giorni di domenica 11 e lunedì 12 ottobre.

“Sono stati effettuati – si legge in una nota dell’organizzazione della corsa rosa – 571 test: due corridori, uno del Team Sunweb e uno del Team Jumbo–Visma, sono risultati positivi al Covid-19 e sono stati affidati ai medici delle rispettive squadre che ne hanno disposto le misure di isolamento; sei membri dello staff, quattro della Mitchelton–Scott, uno del Team Ag2r-La Mondiale e uno del Team Ineos Grenadiers, sono risultati positivi e anch’essi affidati ai medici delle rispettive squadre che ne hanno disposto le misure di isolamento”.

Alla luce di questi riscontri la Mitchelton-Scott ha deciso di lasciare il Giro dopo essersi confrontata con RCS Sport. La formazione australiana ha deciso di ritirare la sua squadra “per concentrarsi sulla salute dei suoi corridori e del suo staff e per salvaguardare la bolla dei team”.

Foto di Massimo Molino

Redazione Vasport – redazione@vasport.it