Connect with us

Senza categoria

Gli immortali rossoneri: “Picchia, picchia Vitali!”

Published

on

Max Vitali è uno di quei calciatori che a Lanciano c’ha lasciato il cuore in tutti i sensi

Fabrizio Castori in panchina.

Il presidentissimo Ezio Angelucci al timone di una società che aveva voglia di stupire. Ci riuscirà.

Primo anno di D stagione 1998/1999.

Entusiasmo rossonero alle stelle: in estate anche un’amichevole col Chieti che militava in C2 al “Cinque Pini” (finale 0-0).

Ai nastri di partenza tantissimi volti nuovi e due squadroni da battere: il Campobasso di Pietro Maiellaro e l’ambizioso Potenza di Andrea Bagnoli.

In rossonero arrivano Mauro Buratti, Stefano Cognigni, Giordano Paoloni, Fulvio Flavoni, Sauro Pugnitopo, Gianluca Colavitto, Maurizio Alfonsi, Massimo Arancio ed Alessandro Damiani, c’è il capitano di sempre Luca Leone.

C’è anche un jolly ruvido ma efficace, Max Vitali che, nel giro di 2 minuti in campo, fa innamorare la tifoseria rossonera. Per sempre.

Nella prima sfida contro il Real Piedimonte (segna Paoloni) si mette in luce.

Al “Nuovo Romagnoli” di Campobasso (0-0 era il 13 settembre 1998), nella seconda giornata di campionato, gli ultras già lo acclamano come un idolo. “Picchia picchia Vitali, picchia Vitali picchia per noi” era il ritornello cantato dai tifosi rossoneri piuttosto eloquente per descrivere la ruvidità e l’efficacia in mezzo al campo del “guerrigliero Max“.

Per la cronaca il Lanciano stravinse quel campionato e Vitali andò a segno contro il Bisceglie con tanto di esultanza che rimarrà nella top ten di quelle rossonere di tutti i tempi.

Da allora fu un amore eterno tra il Rambo toscano e il club rossonero: Vitali, infatti, c’ha lasciato letteralmente il cuore nel capoluogo frentano sposando Barbara.

Buon sangue non mente… da un Vitali ad un altro!

Con la casacca rossonera, infatti, ha giocato (e ha vinto) anche il figlio di Max e Barbara, Manuel, attaccante che di strada davanti ce n’ha ancora tantissima.

Manuel è stato a disposizione de tecnico Alessandro Del Grosso negli scorsi anni.

Nel video di Vasport padre e figlio scherzano e ribadiscono, per l’ennesima volta, un amore immenso per Lanciano.

Alessio Giancristofaro

Foto concesse dalla collezione della famiglia Vitali