Connect with us

Calcio

Gli ottavi di finale di Champions League visti dall’Italia

Published

on

La Champions League, il massimo torneo di calcio continentale per squadre di club, è finalmente giunta alle fasi senza esclusione di colpi: quelle ad eliminazione diretta, con le gare di andata degli ottavi che si disputeranno tra il 18 e il 26 febbraio e il ritorno, invece, in programma tra il 10 e il 18 marzo. Nelle prossime righe analizzeremo le partite e le chance delle squadre italiane che vi parteciperanno: qual è stato il loro percorso all’interno della competizione finora e quali sono le speranze di ognuna di passare il turno.

Lione-Juventus: il match più gestibile

Partendo dai bianconeri, corre l’obbligo di sottolineare come l’urna sia stata particolarmente clemente: è vero che, classificandosi primi nel loro girone, la strada dei bianconeri era un poco più in discesa, ma è vero anche che tra le possibili avversarie aleggiava lo spettro del temibile Real Madrid e dell’insidioso Chelsea, nonché dell’imprevedibile Tottenham di Mourinho, nemesi dei tifosi della Vecchia Signora per il suo passato interista. Bene aver incontrato il Lione, dunque, così da avere più possibilità di passare un turno cruciale. Non sottovalutiamo però i francesi, che potrebbero trovare riscatto in Champions da una stagione un po’ in ombra all’interno dei confini nazionali. Dopo aver finalmente scavalcato l’inter ed aver conquistato, almeno temporaneamente, la vetta della classifica, la Juventus sembra aver ritrovato il favore delle quote e scommesse per le partite di calcio sulla Serie A. Se i bianconeri dovessero mantenere questo ritmo, la sfida contro il Lione potrebbe essere davvero a senso unico.

Atalanta-Valencia, le grandi speranze della Dea

In casa bergamasca non si sta più nella pelle: per la prima volta chiamati a giocarsi la massima coppa europea, i nerazzurri orobici già mietono successi. Passare la fase a gironi non è stata una passeggiata ma la vittoria contro lo Shakhtar Donetsk ha garantito l’accesso agli ottavi di questa compagine che da qualche tempo fa sognare il capoluogo lombardo. Il Valencia verrà affrontato ancora una volta sull’erba di San Siro dato che lo stadio di casa non è agibile per le gare di Champions. La partita si preannuncia incandescente e molto equilibrata: certo non il big match della vita per gli appassionati di calcio, ma sarà forse lo snodo cruciale della stagione della Dea.

Napoli-Barcellona: inferi o riscatto?

Non si può certo dire che la stagione degli azzurri napoletani sia stata fin qui all’altezza delle aspettative: il cambio sulla panchina che ha visto partire Ancelotti e approdare “Ringhio” Gattuso non ha sortito gli effetti desiderati da tifosi e società. In più, l’urna di Nyon non è stata certamente favorevole, estraendo il mostro sacro del Barcellona. Se il Napoli viene già dato per spacciato dai più, non è detto che un insperato colpo di reni non risollevi le sorti dei Partneopei. Ci vorrà un miracolo o poco più, dato che il Barcellona (pure con il probabile assente di lusso Suarez) sembra quasi invincibile ma dobbiamo ricordare che la squadra del Camp Nou non è estranea a imbarazzanti scivoloni europei anche contro compagini meno decorate del Napoli.

Si preannuncia un turno importante per le tre italiane e delle grandi serate di calcio per tutti gli appassionati di questo sport: a noi non resta che metterci comodi e seguire le traiettorie del pallone tifando per le squadre di casa nostra!

Advertisement