Connect with us

Sport da combattimento

HFC e “Fight Clubbing The Reality”: che spettacolo!

Published

on

Al PalaBcc serata da incorniciare con tanto entusiasmo sugli spalti e i colpi sul ring dei fighters

Giuseppe La Verghetta durante l’esibizione con la figlia Martina

Spettacolo doveva essere, spettacolo è stato. Nei giorni che anticipava l’evento gli organizzatori avevano invitato tutti, soprattutto i non appassionati a godersi i combattimenti sul ring del PalaBcc tra Kickboxing, K-1, MMA, Muay Thai. Chi era seduto sugli spalti del Palasport di via Conti Ricci non è rimasto deluso, tutt’altro, sono state sei ore di spettacolo vero, tutti gli sport da combattimento hanno strappato applausi.

Una seconda edizione dell’HFC che l’organizzatore capo Giuseppe La Verghetta (Sparta Group Academy) ha voluto fortemente confermare e i risultati gli hanno dato ragione. Organizzazione a curare ogni minimo dettaglio e perfetta riuscita della serata con la grande novità del “Fight Clubbing The Reality”, il primo reality riservato agli sport da combattimento organizzato da Andrea Sigi con il pieno appoggio di Coni, FIKBMS (Federazione Italiana Kickboxing Muay Thai Salvate Shoot) e FPI (Federazione Pugilistica Italiana).

Evento iniziato già dal pomeriggio con le prime esibizioni entrando nel vivo con l’incontro di pugilato che ha visto protagonista il vastese Luigi Alfieri al suo primo match nella sua città (leggi) vincendo contro l’esperto campano Rauseo. Poi festa anche per l’altro vastese, il ventisettenne Andrea Trivilini nel K-1 battendo il marsicano Domenico D’Eleuterio (leggi).

Fabio Siciliani con il baby Antonio La Verghetta

In attesa del reality due bellissimi momenti riservati ai più piccoli con due esibizioni di kickboxing, la prima con Martina insieme a suo papà e maestro Giuseppe La Verghetta, l’altra con Antonio La Verghetta (secondogenito di Giuseppe La Verghetta) ad esibirsi con il pluricampione del mondo Fabio Siciliani.

Fino ad arrivare al “Fight Clubbing The Reality” presentato dalla giornalista Grazia Di Dio con al suo fianco Fabio Siciliani a seguire da vicino tutti gli otto match insieme ad Andrea Sagi organizzatore di questo primo reality (in tutta Europa) riservato agli sport da combattimento. Muay Thai e K-1 sul ring i migliori 16 delle due categorie chiamati a sfidarsi in otto match a eliminazione diretta. Quarti di finale per i due tabelloni con la Muay Thai aperta dalla vittoria di Puce su Crescenzi, a seguire Liuzzi ha avuto la meglio su Campus, Meoni si è imposto ai danni di Manolea e il marocchino Rebbani ha avuto la meglio su Iadanza.

Il match più bello della serata vinto da Spanu

Nella K-1 il marocchino Lamrhari ha battuto Cirillo, Ivaldi si è imposto su Leonzio mentre l’ucraino Hnatchuk ha superato Memaj nel match più veloce della serata conquistando anche il premio come miglior ko. Ultimo match della serata, finito poco dopo mezzanotte e mezza, quello tra Minervino e Spanu. Tre round ricchi di colpi di scena e tirati fino alla fine, il ligure Giovanni Spanu ha avuto la meglio ai punti ma il match è stato scelto come il più bello degli otto che hanno caratterizzato la prima tappa del reality. Per gli otto qualificati (quattro per ogni categoria) appuntamento con le semifinali a Lecce a metà marzo, poi la tappa finale è in programma a fine maggio a Pescara.

Una lunga ma entusiasmante serata, gli sport da combattimento sul nostro territorio crescono a passi da gigante, il successo di ieri sera lo ha confermato, con fighters di livello mondiale e un’organizzazione perfetta il successo è garantito. Salutata la seconda edizione gli organizzatori si godranno le vacanze di Natale ma a breve inizieranno a buttare già nuove idee per arricchire ulteriormente questo evento, arrivederci al 2020 dove di certo non mancherà la terza stagione.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it