Connect with us

Motociclismo

Iannone chiude con la febbre a Jerez: “Test interessanti, serve passo avanti per il 2020”

Published

on

Il pilota di Vasto con i test d’inizio settimana ha chiuso il suo primo anno in Aprilia

Si dovrà fare di più. Con questo messaggio si sono salutati in casa Aprilia pensando al 2020 dove Andrea Iannone andrà a caccia di miglioramenti importanti. La prima stagione con la squadra di Noale si è chiusa con 43 punti con tre gare chiuse nella top ten e il sesto posto in terra australiana come miglior risultato del 2019.

Dopo i test valenciani in cui il pilota di Vasto ha visto la sua RS-GP andare in fiamme la MotoGp si è spostata a Jerez per l’ultima due giorni di prove a Jerez. Giornate condite dalla pioggia ma ingegneri e meccanici (tra loro alcuni volti nuovi rispetto al 2019) dell’Aprilia già lavorano allo sviluppo della RS-GP 2020, che come detto dalla stessa Aprilia “è un progetto rinnovato con il chiaro obiettivo di segnare un punto di svolta”. Il trentenne di Vasto insieme ad Aleix Espargarò e Bradley Smith hanno lavorato sul 2019 iniziando però ad analizzare le soluzioni future con l’obiettivo di poter dare la spinta giusta al nuovo prototipo.

“Purtroppo in questi due giorni siamo stati un po’ limitati – le parole di Andrea Iannone – sia per il meteo sia perché sono arrivato a Jerez con la febbre. In ogni caso abbiamo trovato qualcosa di interessante su cui lavorare durante l’inverno per presentarci più forti a Sepang. Anche il lavoro fatto da Michelin con le nuove gomme mi è sembrato molto buono. Ora rimarrò in contatto con i ragazzi a Noale per seguire lo sviluppo della nuova moto, per me sarà importante poter fare un passo avanti nella prossima stagione”. A Jerez si è chiuso ufficialmente il 2019 delle due ruote, per Andrea Iannone il riposo nei mesi invernali tra vacanze e preparazione in vista di un 2020 che dovrà regalare, per sua stessa ammissione, maggiori gioie. La prima gara è in programma a Losail per l’8 marzo ma la MotoGp si ritroverà a Sepang dal 2 al 4 febbraio per i primi test del 2020.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it