Connect with us

Calcio

Il Castelnuovo si gode super Di Ruocco: “Qui c’è un progetto serio. La doppietta? Per Arianna e i miei nipoti”

Published

on

Il fantasista campano domenica decisivo con una doppietta contro il Matese. All’orizzonte il big match contro il Campobasso

Una realtà in forte ascesa. Dominati nelle passate stagioni i campionati di Promozione ed Eccellenza il Castelnuovo Vomano sta dicendo la sua anche in Serie D. Da neopromossa i numeri parlano chiaro, nelle prime sette giornate (a singhiozzo causa Covid) i teramani hanno raccolto cinque vittorie e due sole sconfitte volando al secondo posto con un solo punto di ritardo dal Campobasso primo della classe.

Proprio contro i molisani domenica pomeriggio andrà in scena il big match, prima contro seconda in terra teramana con i padroni di casa capaci di poter contare in organico su centrocampisti come Loviso e Croce. Anche se va detto c’è qualità ed esperienza anche negli altri reparti, basti pensare all’attacco dove ieri pomeriggio, in casa del Matese, il grande protagonista è stato Rosario Di Ruocco. Vecchia conoscenza del calcio nostrano, fondamentale nelle passate stagioni in Eccellenza con la maglia del San Salvo (due stagioni e mezzo, dal 2014 al 2016, prima di andare a Paterno), una realtà a cui ancora oggi è legato.

Il ventisettenne di Castellammare di Stabia è stato decisivo nell’1 a 2 finale con la doppietta firmata nel secondo tempo, prima trasformando un calcio di rigore e poi inventandosi il raddoppio con una splendida conclusione a giro: eurogol da posizione defilata, un colpo da biliardo imparabile per l’estremo campano.

Il Castelnuovo Vomano ai piedi di Rosario Di Ruocco, contento per la doppietta firmata ieri? “Le gioie personali vengono sempre dopo quelle di squadra, il Castelnuovo sta raccogliendo importanti risultati perché può contare su un gruppo ben affiatato che nonostante le assenze anche ieri ha offerto una prova convincente”.

Ieri la vittoria è arrivata pur dovendo rinunciare a gente come Loviso e Sbarbati, un ulteriore passo in avanti da parte del gruppo? “Non dimentichiamo che avevamo Croce e Titone in panchina e siamo partiti con sei under dal primo minuto. Vincere non era per nulla scontato, ecco perché i tre punti di ieri per noi oltre ad essere un passo in avanti per la nostra crescita rappresentano una gran bella soddisfazione”.

Due stagioni fa in Promozione e oggi seconda in Serie D, dove vuole arrivare il Castelnuovo Vomano? “Una realtà dove le ambizioni non mancano ma niente arriva per caso, c’è un progetto biennale per la D con l’obiettivo di centrare il prima possibile la salvezza in questa stagione. Una volta che toccheremo con mano quel traguardo se ci saranno le condizioni proveremo certamente a guardare anche ad altro ma sempre stando con i piedi per terra”.

Seconda stagione con i neroverdi, dall’interno cosa puoi raccontarci di questa realtà? “Come ho già detto, nulla arriva per caso. Sono felice di far parte di questa società, tutto è organizzato alla perfezione, mi trovo benissimo, ci sono le migliori condizioni per continuare a fare bene”.

Torniamo alle gioie personali di ieri, rigore trasformato con la solita grande freddezza ma il gioiello è arrivato con il raddoppio, com’è nato quel gol? “Una conclusione difficile ma voluta. Appena ho capito che la palla arrivava verso di me mi sono posizionato bene con il corpo e anche se molto lontano ho mirato volutamente sul secondo palo. Ne è venuto fuori un bel gol, uno dei più belli della mia carriera, gioia doppia perché ha agevolato la vittoria del Castelnuovo”.

Si gioca senza pubblico, gioielli come i tuoi ora si possono ammirare solo attraverso Youtube e canali social, la doppietta di ieri a chi la dedichi? “Alla mia compagna Arianna e i miei nipoti Federica, Cristian e Sofia. Sono il mio tutto”.

Domenica arriva il Campobasso, prima contro seconda divise da un solo punto, siete pronti per l’operazione sorpasso? “Il Campobasso sono primi con merito, sono forti e lo stanno dimostrando. Noi però non avremo nulla da perdere, massimo rispetto ma nessuna paura, speriamo di recuperare alcuni giocatori ma andremo in campo con lo spirito di sempre, siamo in fiducia e cercheremo di dire la nostra anche al cospetto di una corazzata”.

Quella di domenica sarà anche una sfida a distanza tra due fantasisti bellissimi da vedere, ti troverai di fronte Vittorio Esposito, contento di sfidarlo? “Sarà stimolante giocarci contro per la prima volta in carriera. Non devo aggiungere parole a quello che ormai da anni fa vedere in campo, non lo scopro certo io, è sempre bello vederlo giocare, secondo me il fantasista più forte di tutta la categoria, un lusso per la D”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it