Connect with us

Ciclismo

Il Ciclo Club Vasto pedala alla mitica ‘Nove Colli’ di Cesenatico

Published

on

La Nove Colli di Cesenatico giunta alla 50^ edizione è ritenuta dagli addetti ai lavori, a giusta ragione, una delle più belle tra le numerose gran fondo del calendario ciclistico nazionale: ha visto schierati alla partenza ben 11.000 ciclisti, dei quali oltre 1.350 provenienti da oltre confine.

Due i percorsi opzionabili dai partecipanti alla policroma kermesse romagnola. La più impegnativa senz’altro il “lungo” di 205 km totali e ben 3.840 metri di dislivello con pendenza massima del 18% del Colle Barbotto e punto più alto di gara posto ai 791 metri sul livello del mare del Monte Pugliano. In alternativa al “lungo” in molti hanno scelto il percorso “medio” di 130 km con dislivello di 1.871 metri e, come per il lungo, pendenza massima del 18%.

La Nove Colli deve il suo nome ai nove colli da scalare dotati di forza atletica, tenacia e condizioni di forma ottimali per poter cimentarsi con il Pieve di Rivoscio, il Ciola, il temibile Barbotto dove in molti mettono il piede a terra, proseguendo per altri passi tra i quali il Passo delle Siepi. A corollario del “main event” di giornata, si è svolta la “Mini Nove Colli Sportful“, pedalata ecologica riservata a ragazzi dai 7 ai 14 anni che si sono cimentati, in sella a qualsiasi tipo di bici, in un unico percorso nel territorio di Cesenatico affiancati da tutor dell’organizzazione e, in molti casi, da genitori entusiasti e divertiti anche più dei loro figli.

Il variegato torpedone dei partecipanti alla Nove Colli è partito di buon mattino dalla città di Marco Pantani e si è inoltrato tra le verdi colline circostanti in un suggestivo mix di bellezza paesaggistica, sudore, fatiche e incontenibile passione per le due ruote. Tra i tanti stakanovisti del pedale vi era il gruppo del Ciclo Club Vasto con in testa il presidente Antonio Spadaccini. Insieme all’onnipresente presidente erano parte del team il vice presidente Luigi Salvatorelli, i veterani Aldo Naglieri e Stefano Marrone, Angelo Costantini con il fidato amico Giuseppe Ottaviano, Roberto Ricci ed Enzo Di Benedetto, coppia esperta di Gran Fondo, ed infine ad arricchire la pattuglia lo stoico encomiabile Michele Sacco.

Dopo i primi selfie di routine i pedalatori vastesi si sono allineati sotto l’arco di partenza attendendo lo start ufficiale e subito dopo partire di gran lena confusi tra le migliaia di partecipanti. Percorsi in compagnia i primi chilometri di riscaldamento il gruppo del Ciclo Club Vasto si è diviso, poiché ognuno ha optato per il percorso più confacente alle proprie caratteristiche e condizione di forma del momento. Tutti i “ragazzi” del presidente Spadaccini hanno portato al termine il cimento sportivo, chi più chi meno, provato dalla dura prova ma soddisfatti per aver tagliato la linea del traguardo con buoni riscontri personali in termini di classifica, generale o di categoria a seconda dei casi, e personal best cronometrici. La stanchezza accumulata nei tanti chilometri di gara non ha minimamente scalfito l’entusiasmo per la impagabile esperienza in testa di Romagna e a tal proposito il vice presidente Salvatorelli si è congratulato personalmente con ognuno dei componenti il gruppo Ciclo Club Vasto rivolgendo un saluto particolare anche agli amici Maurizio Iacovitti, Pietro Murillo e Donatello Iasci, inizialmente iscritti alla Nove Colli ma trattenuti a Vasto per impegni personali.

Spadaccini e soci tutti del Ciclo Club Vasto si ritroveranno a breve per la classica pedalata di fine attività sociali anno corrente con attenzione già rivolta, Covid permettendo, all’anno 2022.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it

Advertisement
Advertisement

Facebook