Connect with us

Calcio

Il paradosso abruzzese: Serie C e Serie D ferme per due settimane, Eccellenza in campo!

Published

on

Nonostante l’impennata dei contagi, legati al Covid, il Comitato Regionale, almeno per il momento, ha deciso di proseguire con il massimo campionato

Dalla C agli Amatori in gran parte delle regioni italiane, almeno fino al 23 gennaio, non si scenderà in campo per i match ufficiali.

Ieri la Lega Nazionale Dilettanti ha scelto la prudenza fermando anche il campionato di Serie D, due settimane di riposo forzato con la speranza di avere un calo drastico di contagi e tornare in campo già per l’ultima domenica di gennaio. Resta da capire se da qui a maggio verranno aggiunti altri tre infrasettimanali (almeno) o se la stagione slitterà di un mese.

Dalla prudenza della Serie D all’azzardo del Comitato Regionale abruzzese che dopo aver fermato, nei giorni scorsi, tutti i campionati (giovanili compresi) fino al 23 gennaio (dalla Promozione in giù) e 30 gennaio (campionati giovanili) anche ieri ha confermato che l’Eccellenza può proseguire (così come la C1 di calcio a 5). Andando controcorrente rispetto ad altri Comitati Regionali che, spinti dalla prudenza, hanno deciso di fermare anche il massimo campionato.

Ad oggi, giovedì 6 gennaio, è tutto confermato, domenica 9 si tornerà in campo con la 20° giornata (3° di ritorno) che però ha già due match rinviati, causa Covid: L’Aquila-Penne e Renato Curi Angolana-Alba Adriatica. Se da qui, a sabato, venissero rinviati altri tre match, la situazioni cambierebbe di parecchio ma al momento l’Eccellenza abruzzese va avanti, decisione rischiosissima, tra qualche giorno si capirà che peso ha avuto questo azzardo.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it

Advertisement
Advertisement

Facebook

News più lette settimanali