Connect with us

Calcio

Il Pescara sprofonda: Frosinone vincente all’Adriatico

Published

on

Quarto ko di fila per la squadra di Massimo Oddo, fanalino di coda in B. I ciociari s’impongono 2-0

Sprofonda il Pescara di Massimo Oddo: ancora una sconfitta, la quarta di fila, ultimo posto in classifica “blindato” (appena un punto all’attivo in 5 partite giocate) e squadra incapace di reagire ad un momento durissimo. Basta poco al Frosinone di mister Nesta per confezionare il ‘blitz’ vincente all’Adriatico. I gol, in apertura dei due tempi, messi a segno da Ciano e Novakovich, realizzatori ed anche reciproci assist-man, piegano le gambe ai biancazzurri e li condannano ad un nuovo, pesante ko, il secondo di fila sul campo amico dopo quello della settimana scorsa con l’Empoli.

La partita. Cambia modulo, inizialmente, Oddo. Sceglie il 3-5-1-1 il tecnico biancazzurro con Bocic prima punta supportato da Maistro, terzetto difensivo con Drudi, Scognamiglio e Jaroszynski, Ventola e Masciangelo esterni ed Omeonga, Valdifiori e Memushaj a centrocampo. Poco prima della mezzora, però, l’infortunio di Drudi dà modo all’allenatore di rimodellare i suoi, sotto di un gol, con l’ingresso di Galano per un maggiormente offensivo 4-3-2-1. Il Frosinone di Nesta e degli ex (Capuano, Zampano e Kastanos titolari, Carraro in panca e il pescarese Iacobucci portiere di riserva) si presenta in campo con il 3-5-2. Diverse le assenze nel Pescara, dolorose soprattutto in attacco con l’indisponibilità dei centravanti Asencio e Ceter.

Gara immediatamente in salita per i padroni di casa: al 7′, sfruttando un assist di Novakorich, è Ciano, ben appostato a infilare il pallone in porta per il vantaggio ciociaro. Prova a raddrizzare la testa il Delfino: conclusione di Ventola, al 9′, Bardi spedisce in angolo. Poi poca incisività da parte dei locali e Frosinone che controlla agevolmente il vantaggio rischiando pressoché nulla. Al 27′ fuori Drudi, infortunato, e dentro Galano con Oddo che ridisegna l’assetto della sua squadra in campo.

Fino alla fine del tempo null’altro di rilevante da segnare con il Frosinone che chiude avanti di un gol.

Di fatto, poi, la ripresa comincia come era iniziata la prima frazione, con la rete degli ospiti: stavolta Ciano rende il favore al compagno di squadra e rifinisce per Novakovich che insacca, di testa, alle spalle di Fiorillo.

Il doppio vantaggio dei ‘canarini‘ mette e nudo tutte le difficoltà del Pescara di oggi: squadra spenta, arruffona, poco propositiva e concreta nella metà campo avversaria e a dir poco fragile nella fase difensiva.

Il resto della gara è di poco conto. Il Frosinone conduce comodamente in porto la vittoria. Dall’altra parte davvero tanta amarezza, ed anche più che legittima preoccupazione, per questo Pescara.

Pescara-Frosinone 0-2

Reti: 7′ Ciano, 4′ st Novakovich

Pescara (3-5-1-1): Fiorillo; Drudi (27′ Galano), Scognamiiglio, Jaroszynski; Ventola, Omeonga (1′ st Belloni), Valdifiori (25′ st Fernandes), Memushaj, Masciangelo; Maistro; Bocic (12′ st Busellato) A disp.: Alastra, Radaelli, Balzano, Bocchetti, Guth, Diambo, Riccardi, Capone. All. Oddo

Frosinone (3-5-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Capuano; Zampano, Maiello, Rohden (21′ st Tabanelli), Kastanos (31′ st Carraro), Beghetto (32′ st D’Elia); Ciano (21′ st Dionisi), Novakovich. A disp.: Iacobucci, Trovato, Salvi, Curado, Tribuzzi, Vitale, Vitale, Parzyszek. All. Nesta

Arbitro: Gariglio di Pinerolo

Foto dalla pagina Facebook Pescara Calcio

Redazione Vasport – redazione@vasport.it