Connect with us

Calcio

Il procuratore Di Campli nell’ultima puntata di Report

Published

on

L’ex agente di Marco Verratti rilascia un’intervista al programma di Sigfrido Ranucci Report nella puntata dedicata agli “Splendori e miserie dei signori del calcio”

C’è anche la testimonianza dell’imprenditore frentano Donato Di Campli nell’ultima esplosiva puntata di Report in onda ieri sera su Rai 3.

Il programma di approfondimento giornalistico, condotto dal giornalista Sigfrido Ranucci, ha focalizzato l’attenzione sul mondo del calcio e degli agenti sportivi.

Si parte dal cambio di procura dei calciatori Gianluca Scamacca e Dejan Kulusevski che entrano a fare parte della scuderia di Alessandro Lucci il quale avrebbe sfruttato, secondo Report, l’influenza e il ruolo di Daniele De Rossi e Leonardo Bonucci.

Ma nell’ultimo format dedicato al mondo del calcio in onda su Rai 3, che ha già provocato uno sciame di reazioni, c’è spazio per Mino Raiola, per Federico Pastorello, per Igli Tare.

Come del resto lo spazio non manca per molti altri aspetti ancora.

Queste le dichiarazioni di Donato Di Campli, in onda in apertura di trasmissione, in merito ai cambi di “casacca” dei calciatori nei confronti dei procuratori:

È chiaro che se c’è una persona dentro lo spogliatoio che ha un determinato carisma influisce molto sui giocatori, soprattutto se giovani”.

Donato Di Campli intervistato da Report

Ma perché un giocatore dovrebbe farlo? chiede il giornalista di Report Daniele Autieri a Donato Di Campli.

Per costruire il proprio futuro – dichiara l’ex agente del centrocampista di Manoppello Marco Verratti – o per qualche regalia personale di qualcuno. I giocatori non diranno mai di aver ricevuto soldi, o qualche Rolex, o una macchina, o di aver comprato un esame della patente”.

Alessio Giancristofaro
Foto: frame televisivi