Connect with us

Basket

Il vastese Parente confermato sulla panchina della Pallacanestro Trapani: “Contento, carico e motivato”

Published

on

Contratto biennale per il quarantaduenne allenatore di Vasto ormai da sei anni nell’ambiente cestistico trapanese

Di città ne ha vissute tante, in ognuna di queste ha lasciato un gran bel ricordo. Se a Livorno da giovane cestista ha giocato qualcosa come otto anni ora è un’altra terra quella che lo ha adottato da tanti anni. Daniele Parente ha appeso la canotta al chiodo nel 2014, a trentasei anni era arrivato il momento di dire basta dopo una carriera ricchissima di soddisfazioni.

Al basket però non ha mai rinunciato, è subito arrivata la chiamata della Pallacanestro Trapani che nello stesso 2014 lo volle alla guida di alcune squadre del settore giovanile. Passo dopo passo si è saputo conquistare la fiducia di tutti arrivando in prima squadra come assistant coach. Poi la svolta nel 2018 quando a stagione in corso fu promosso allenatore capo. Confermatissimo, in A2, anche per la stagione successiva dove i granata chiusero centrando i playoff e anche in quella fermata dal Coronavirus quando Trapani era al quinto posto.

Nei giorni scorsi l’annuncio di un accordo trovato tra le parti firmando un contratto biennale che legherà Parente ai siciliani fino al 2022: “Sono molto contento e, allo stesso tempo, carico e motivato per questa nuova stagione. Ringrazio il presidente Pietro Basciano ed il g.m. Nicolò Basciano per la fiducia accordatami e per questa opportunità. L’obiettivo sarà quello di riuscire a costruire insieme qualcosa di importante per Trapani. Siamo già a lavoro per costruire la squadra futura”.

Per il quarantaduenne allenatore vastese un importante attestato di stima, in A2 la Lighthouse Pallacanestro Trapani crede ciecamente nelle sue qualità, sportive ed umane. Non si sa quando si potrà tornare in campo ma Daniele Parente non vede l’ora di regalare altre gioie ai granata.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it