Connect with us

Basket

La prima ‘sudata’ della Vasto Basket: coach Gesmundo studia i giovani biancorossi

Published

on

19/07/2017 –Ieri pomeriggio il tecnico pugliese ha voluto valutare i ragazzi in vista della prossima stagione. Cordici ceduto a Mola, nelle prossime ore verrà ufficializzato il nome del nuovo pivot

Vasto Basket già in movimento tra mercato e parquet. Se il primo passo ufficiale, nelle scorse settimane, era stata la presentazione di Giovanni Gesmundo come nuovo coach tra ieri il club vastese ne ha mossi altri.

Ieri la giornata si era aperta con i comunicati che annunciavano la cessione dalla Vasto Basket al Mola(C Silver pugliese) del pivot ventiduenne Filippo Cordici che dopo tre stagione in biancorosso si confronterà con un’altra realtà. Nel frattempo però la società sottotraccia si è mossa per pescare il primo acquisto in vista della prossima stagione, il direttore sportivo Luigi Cicchini ha guardato parecchio lontano, il nuovo pivot dovrebbe arrivare dalla Croazia, nelle prossime ore ci sarà l’ufficialità dell’accordo.

Nel frattempo coach Giovanni Gesmundo nel pomeriggio di ieri per la prima volta ha voluto ‘studiare’ da vicino, con una seduta di allenamento pomeridiana al PalaBcc, i giovani cresciuti nel settore giovanile biancorosso, molti dei quali già visti in prima squadra nella passata stagione come Marino, Di Rosso e Stefano solo per citarne alcuni.

Al termine di questa prima sessione stagionale biancorossa il tecnico pugliese si è mostrato moderatamente soddisfatto: “Le prime sensazioni sono assolutamente positive, ho trovato ragazzi vogliosi, con la giusta intensità e buoni fondamentali, si vede che su di loro negli anni del settore giovanile è stato fatto un ottimo lavoro”. Sulle possibilità di puntare su di tanti di loro nel corso della prossima stagione Gesmundo manda il primo importante messaggio: “Hanno la fortuna di giocare per una società che investe sul settore givanile, ora spetta a loro mettersi in mostra per guadagnarsi un elevato minutaggio sul parquet, lo spazio c’è, io ho accettato la proposta vastese perché ho voglia di valorizzare questi giovani ragazzi ma il basket è uno spaccato della vita, nessuno ti regala niente, chi lavora bene avrà il suo spazio”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it