Connect with us

Calcio

Lanciano di ferro. Sul bon ton non si transige. Via Illiano dalla rosa

Published

on

La società frentana dà una punzione esemplare al proprio tesserato per ingiurie sui social

Lanciano di ferro, sul bon ton non si scherza.

La forma e’ sostanza per il club del duo Cristina Chiaretti-Claudio Alluni.

Insomma, le parole fuori posto pesano più di una prestazione errata nel rettangolo verde.

La società frentana ha escluso dalla rosa di mister Giancarlo Oddi il centrocampista Antonio Illiano.

Il casus belli? Risposte non consone sui social.

Tutto nasce da un post Facebook condiviso della testata giornalistica Videocitta’ diretta da Clara Labrozzi.

Tra i numerosi commenti compaiono anche quelli del noto avvocato lancianese Dario Rapino e del calciatore frentano Antonio Illiano.

Illiano e’ ruvido e offensivo nelle due risposte, Rapino non ci sta e annuncia una querela per il calciatore rossonero.

Insomma una situazione spiacevole che non giova a nessuno.

La società, appena appreso il comportamento social non consono del proprio tesserato, corre immediatamente ai ripari, attuando un provvedimento esemplare, certamente non messo in atto per comportamenti più gravi nel recente passato da altre dirigenze rossonere.

Insomma, un’impronta nuova nell’immagine del club che, di certo, rafforza la nuova dirigenza.

Questo il testo integrale del comunicato stampa appena diramato dal club della presidente Cristina Chiaretti.

La Società Lanciano Calcio, presa visione delle espressioni incresciose e degli insulti rivolti dal proprio tesserato Antonio Illiano sotto un post della pagina Facebook di una famosa testata locale, si scusa innanzitutto con il Sig. Dario Rapino, vittima delle ingiustificate ingiurie, e con la redazione di Videocittà, la testata in oggetto che ha dovuto assistere ed essere coinvolta in questo imbarazzante episodio.
La Società comunica altresì che il calciatore Antonio Illiano a partire da questo momento non è più un giocatore del Lanciano. Il nostro è un progetto che guarda ben oltre il campo: la nostra Società vuole e deve essere un esempio da seguire dentro e fuori dal campo da gioco; i più grandi e soprattutto i più piccoli devono potersi rispecchiare nel modello etico fornito dal Lanciano Calcio, oggi ed in futuro. Certi comportamenti sono pertanto assolutamente inammissibili, e la Società si riserva al tempo stesso di valutare eventuali azioni al riguardo del danno d’immagine procurato“.

COLPA DEL GEMELLO

E pochi minuti fa Antonio Illiano ha pubblicato questo post che, in buona sostanza, scarica la colpa sul gemello chiedendo scusa per l’accaduto.

Alessio Giancristofaro