Connect with us

Calcio

L’ira di Travaglini: “Vasto Marina senza campo, adesso basta. Si trovi la soluzione, altrimenti…”

Published

on

Il patron dei biancazzurri chiede a gran voce l’intervento da parte dell’amministrazione, affinché la prima squadra trovi un impianto sportivo adeguato in città dove allenarsi

Un fiume in piena. Non è una novità per chi conosce Pino Travaglini, il patron e direttore generale della Bacigalupo Vasto Marina, dopo quasi due mesi di incertezze dall’inizio della nuova stagione sportiva, ha deciso di far sentire il proprio malcontento per l’annosa questione riguardante i campi sportivi vastesi chiamando in causa anche Vastese e Virtus Vasto.

La prima squadra della Bacigalupo Vasto Marina, promossa a maggio in Eccellenza (dove ha iniziato con 3 punti nelle prime due giornate), non può allenarsi nell’impianto sportivo di Vasto Marina in contrada San Tommaso chiuso ormai da oltre quattro mesi in attesa dell’inizio dei lavori che porteranno a un ammodernamento atteso ormai da anni. Da fine luglio ad oggi capitan Benedetti e compagni si allenano sui rettangoli di gioco della vicina San Salvo, quasi sempre sul sintetico “Tomeo” di via Stingi e in alcune occasioni anche al “Davide Bucci”.

A San Salvo però oltre alle due prime squadre (Us e Sporting Sansalvese) con l’inizio delle attività delle diverse scuole calcio le ore a disposizione per tutte le squadre vengono centellinate e per il Vasto Marina questo rappresenta un problema di non poco conto.

Allenamento a San Salvo, l’esordio in Coppa al “Tomeo” (dove i vastesi continueranno a giocare) e dopo la prima giornata disputata all’Aragona di Vasto ha deciso di far sentire la sua voce il dg Travaglini. Chiede che chi di dovere intervenga in tempi brevi per sistemare una volta per tutte questa problematica, dopo le sue dichiarazioni si muoverà qualcosa o resterà tutto come prima?

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it