Connect with us

Calcio

Loviso gela la Vastese: all’Aragona, con l’uomo in meno, passa il Castelnuovo Vomano

Published

on

I biancorossi non sfruttano la superiorità numerica per oltre un’ora e nel finale vengono beffati dall’ex Bologna. Mercoledì recupero a Castelfidardo

Non i fiocchi di nevi ma ci ha pensato Gaetano Loviso a gelare la Vastese in un sabato da dimenticare. Eppure l’anticipo della 12° giornata del girone F di Serie D si era aperto a favore dei biancorossi quando gli ospiti, già al ventiseiesimo erano rimasti in inferiorità numerica. Non sfruttata per oltre un’ora e nei minuti finali l’esperto centrocampista del Bologna con una punizione ha confezionato lo 0 a 1.

La partita – Rispetto alle previsioni della vigilia la novità in casa biancorossa è la presenza del ’99 Simone Sorgente nell’undici iniziale, tocca a lui far coppia in avanti con Martiniello, tandem tutto napoletano con Bernardi inizialmente in panchina. In realtà la novità più importante riguarda il modulo iniziale, D’Adderio sorprende tutti e sceglie il 442. In porta c’è Di Rienzo, davanti a lui capitan Di Filippo e Altobelli insieme a Cardinale dirottato sulla destra e Diallo sull’altra corsia. Nel cuore del gioco regia affidata ad Obodo, al suo fianco c’è Meola, come esterni offensivi scelti Valerio e Di Prisco. Se la Vastese non vince da tre mesi dall’altra parte il Castelnuovo Vomano, terza forza del campionato, nelle ultime tre ha raccolto due punti ma è assolutamente da temere. Basti pensare che nel 4231 l’allenatore Di Fabio può contare sull’esperienza dell’ex Bologna Gaetano Loviso, visto tra A e B negli anni scorsi. Al suo fianco però non c’è Croce, un altro big che a sorpresa parte dalla panchina, al suo posto l’under Bregasi. Davanti sulla sinistra occhi puntati sul campano Di Ruocco vecchia conoscenza del calcio nostrano ripensando alle due stagioni e mezzo, da protagonista in Eccellenza, con la maglia del San Salvo. Il terzetto alle spalle del centravanti Sbarbati è completato da Emilii e D’Egidio, miglior marcatore di squadra con 6 centri. Tra i pali tocca al 2001 Natale, al centro agiscono Casimirri e Terrenzio, come terzini gli under Olivi e Foglia. Poco o nulla da raccontare nei primi venti minuti, biancorossi più vogliosi con l’intraprendente Sorgente, il più attivo nelle fasi iniziali. Scollinato il ventesimo il primo vero squillo del sabato è firmato da Martiniello, bella girata che trova attento Natale, palla deviata in angolo.

Poco prima della mezzora episodio da segnare in rosso, capitan Di Filippo cade a terra, ha subito un colpo in volto da Sbarbati, il fischietto di Crema lascia correre ma viene richiamato dall’assistente laziale che ha visto tutto: cartellino rosso per il centravanti neroverde e ospiti in inferiorità numerica. Inizia a scendere giù la neve sull’Aragona, con l’uomo in più l’occasione è ghiotta per i vastesi, rischiano qualcosa in contropiede con D’Egidio sempre pungente ma sul fronte offensivo due volte è Meola a sfiorare il vantaggio, prima conclusione sporcata in angolo, poi conclusione dal limite ma il pallonetto non sortisce gli effetti sperati.

La Vastese vuole i tre punti, D’Adderio lascia negli spogliatoi Cardinale (visto nell’insolita posizione di terzino destro) e rilancia l’attaccante Bernardi passando al 433. In campo però è il Castelnuovo Vomano a mettere paura, a centro area Emilii anticipa tutti in mischia ma sulla linea di porta è miracoloso l’intervento di Diallo. Nonostante la superiorità numerica i padroni di casa faticano a dominare il gioco e creare occasioni da gol, il tecnico molisano appesantisce ancor di più il fronte offensivo, dentro Martinez e Meola richiamato in panchina. I teramani, mostrano grande organizzazione a conferma della posizione in classifica e non sembra pesare l’uomo in meno, D’Egidio prima di lasciare il campo ci prova da fuori ma Di Rienzo è attento. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo i biancorossi sfiorano il vantaggio ma Natale riesce a smanacciare facendo disperare i padroni di casa.

Nel finale il Castelnuovo Vomano passa all’incasso, punizione da posizione defilata di Gaetano Loviso, la sfera attraversa tutta l’area e si spegne in rete sul secondo palo, Di Rienzo è battuto. I teramani continuano ad attaccare e beneficiano di un calcio di rigore, contatto tra Altobelli ed Emili ma questa volta Loviso non è perfetto, rigore a lato e ancora flebili speranze per i padroni di casa. All’ultimo secondo Altobelli impatta di testa ma un prodigio di Natale blinda il successo degli ospiti, lo 0 a 1 vale la vetta al Castelnuovo Vomano.

Passo indietro dei biancorossi, se contro il Campobasso si era vista una bella reazione oggi non ci sono state conferme e la posizione di classifica non piace a nessuno. Tre punti nelle ultime sei giornate e vittorie che manca da tre mesi, numeri che pesano su una stagione fin qui difficilissima, mercoledì nel recupero in casa del Castelfidardo non si potrà più sbagliare, i jolly sono finiti.

VASTESE – CASTELNUOVO VOMANO: 0 – 1

Reti: 39’st Loviso

VASTESE: Di Rienzo, Di Filippo (38’st Lenoci) Altobelli Cardinale (1’st Bernardi), Obodo, Diallo, Valerio, Meola (16’st Martinez), Martiniello, Sorgente, Di Prisco (29’st De Angelis). A disposizione: Boccanera, Gentile, Solimeno, Barbarossa, Colantuono. All.: D’Adderio

CASTELNUOVO VOMANO: Natale, Olivi, Foglia, Casimirri, Loviso, Terrenzio, D’Egidio (22’st Faggioli), Bregasi, Sbarbati, Emilii, Di Ruocco (36’st Ferri). A disposizione: Porrini G., Morganti, Basilico, Porrini M., Ndoye, Croce, Faggioli, Manari.  All.: Di Fabio

Arbitro: Stefano Peletti di Crema (Pasqualetto di Aprilia e Rastelli di Ostia Lido)

Note: al 43’ st Loviso (CV) fallisce un calcio di rigore; Ammoniti: ; Espulsi: al 26’pt espulso Sbarbati (CV) per gioco scorretto; Recupero: 1’ e 3’.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it