Connect with us

Calcio Giovanile

Massi: “Biennio ricco di gioie con gli Aquilotti. Mister Di Lallo mi ha trasformato, mi impegno sempre al massimo”

Published

on

Il centrale difensivo fresano, negli ultimi anni, perno fondamentale prima nel campionato provinciale e poi anche nei regionali

Da Fresa a San Salvo per continuare la sua crescita calcistica. Scelta azzeccata quella di Angelo Massi, arrivato agli Aquilotti da laterale offensivo ma per volere di mister Di Lallo, trasformato in centrale difensivo, ruolo che oggi ricopre con il giusto piglio.

Un altro di quelli del gruppo Giovanissimi capaci primi di ritagliarsi il ruolo da protagonisti assoluti nel campionato giovanile e poi confermarsi anche in quello regionale. Ormai da quasi quattro mesi di calcio giocato non c’è alcuna traccia, qualcosa si muove ma restano ancora tanti punti interrogativi. Quando si ripartirà bisognerà capire se il suo futuro sarà ancora quello sansalvese degli Aquilotti o altrove ma l’impegno sarà sempre lo stesso.

Angelo Massi, il calcio giocato manca da quasi quattro mesi, che periodo è per te? “Un po’ strano, il calcio fino ai primi giorni di marzo occupava tante ore nella mia giornata, non è facile doverci rinunciare per così tanti mesi soprattutto senza poter divertirsi con compagni e mister”.

Con gli Aquilotti fino allo stop eravate protagonisti di una bella stagione, pensando anche alla precedente sei soddisfatto di quanto fatto? “Nella passata stagione eravamo i favoriti per la vittoria finale, ci siamo riusciti ma senza sacrifici non si va mai da nessuna parte e per fortuna il nostro massimo impegno è stato ripagato. Abbiamo subito capito le differenze tra campionato provinciale e regionale, impegno maggiore per conquistare in largo anticipo il nostro obiettivo stagionale, il bicchiere al termine di questo biennio è bello pieno”.

Cosa rappresenta per te questa società? “Con gli Aquilotti sono entrato in un’ottica ben diversa rispetto a quella dalla quale ero partito. Qui sono cresciuto molto, devo ringraziare compagni, dirigenti e soprattutto mister Gabriele Di Lallo che mi ha fortemente voluto. Ha avuto il coraggio di cambiare la mia posizione in campo, da esterno alto a centrale difensivo, ha creduto sempre in me tanto da farmi diventare il rigorista della squadra”.

Quando si potrà tornare in campo ti immagini un calcio diverso rispetto a quello lasciato prima del Coronavirus? “Sicuramente i ritmi saranno diversi almeno nelle prime settimane, ma penso a me stesso e continuo a lavorare per arrivare al 100% della forma e riprendere alla grande la prossima stagione”.

Ad alti livelli a quale giocatore ti ispiri? “Da grande tifoso dell’Inter il mio punto di riferimento è Javier Zanetti, lui per me è tutto, grande giocatore e grandissimo uomo”.

Nella prossima stagione sarai ancora con gli Aquilotti o ti vedi con un’altra maglia? “Non so quale maglia indosserò nei prossimi mesi, ma con gli Aquilotti o altrove io darò sempre il massimo per togliermi ancora tante soddisfazioni”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it