Connect with us

Calcio Giovanile

Mateescu, l’Ibra della Virtus Vasto: “Con i miei gol volevo regalare il titolo regionale. Sogno lo United”

Published

on

Il giovane attaccante dei Giovanissimi fino allo stop era stato grande protagonista con 20 gol

Sempre vestito di biancorosso. Un percorso iniziato nel 2014 all’età di nove anni e che lo ha visto crescere non solo fisicamente. A soli 15 anni Sabin Mateescu abbina alle grande qualità tecniche anche una bella dose di personalità, in campo paura zero, ogni tanto tende a nascondersi ma appena capita l’occasione giusta fa sempre male agli avversari. Negli anni scorsi lo lanciò in giovanissima età mister Mazzatenta, con Zeytulaev in questa stagione stava disputando una stagione da applausi fermata dal Coronavirus a inizi marzo. Mateescu, di chiare origini romene ma ormai da tanti anni vastese, con 20 gol era tra i grandi trascinatori (insieme a Pizzi e Martiniello) dei Giovanissimi della Virtus Vasto primi nel campionato regionale, niente da fare, il Coronavirus ha chiuso tutto in largo anticipo ma Sabin non intende fermarsi. Ha fame di calcio e sogno in grande, fino alla Premier League.

Sabin Mateescu, come si fa a vivere a 15 anni per così tanti mesi senza calcio? “Durissima dover rinunciare per così tanti mesi alla mia passione più grande. Impossibile stare senza calcio gioco, in questi mesi mi sto allenando molto in casa anche se non c’è paragone con il rettangolo di gioco”.

Fino a prima dello stop eri il dominatore dei Giovanissimi regionali con 20 gol, eri pronto a sfornarne altri per arrivare a conquistare il titolo regionale? “Ero carichissimo, non avevo alcuna voglia di rallentare la mia media gol e avrei fatto di tutto per conquistare il campionato d’Elite abruzzese”.

Insieme a Pizzi una quarantina di gol in due, lì davanti formate un tandem perfetto? “Ci troviamo in piena sintonia, basta uno sguardo per capirci, gol e assist lo dimostrano”.

La Virtus Vasto ti ha lanciato nella mischia da ‘sotto età’ già da diverse stagioni, cosa significa per te far parte di questa squadra? “Sono fortunato nel poter far parte di questa famiglia, da quando gioco per questa maglia mi sono sempre trovato a mio agio con tutti i compagni potendo lavorare con allenatori preparati”.

Cosa ti ha insegnato mister Zeytulaev? “Un grandissimo allenatore, ogni allenamento un insegnamento. Non accontentarsi mai, lavorare sempre intensamente con l’obiettivo di raggiungere importanti risultati avendo sempre la giusta umiltà”.

Chi ti osserva da vicino, per diversi aspetti, ti paragona ad Ibra, ti piace? “Certo, è la mia fonte d’ispirazione. Un gigante in tutti i sensi, trascinatore, decisivo, uno che continua ad avere ancora tanta fame nonostante si stia avvicinando ai quarant’anni. Parte del mio carattere è simile al suo”.

Cosa significa per te fare gol? “Gonfiare la rete regala sempre grandi emozioni. Nulla però arriva per caso, è il frutto dei sacrifici fatti durante la settimana, il gol è non solo gioia personale ma aiuto concreto alla squadra, il modo migliore per ripagarla”.

Dove ti immagini tra una quindicina d’anni nel mondo del calcio? “In ogni allenamento e in tutte le partite scendo in campo con l’obiettivo di migliorarmi e mettermi in mostra per arrivare in alto. Il calcio inglese mi affascina, la Premier League è un campionato di livello assoluto, un giorno spero di arrivare al Manchester United”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it