Connect with us

Atletica

Meeting, campionati e test: l’atletica si dà le regole

Published

on

Protocolli della Fidal in vista della ripresa possibile dal prossimo 15 giugno

Protocolli della Fidal, la Federazione Italiana Atletica Leggera, in vista della ripresa delle competizioni su pista e dei cosiddetti ‘test di allenamento certificati‘, una serie di regole e disposizioni, in linea con le esigenze di sicurezza in tema di situazione sanitaria legata al Coronavirus, che avranno esecutività a partire dal prossimo 15 giugno.

Un altro concreto passo verso la tanto agognata normalità – si legge in una nota della Federazione -. Salvo differenti indicazioni del Governo e le ulteriori decisioni eventualmente adottate dalle Regioni, si potrà tornare a gareggiare dal 15 giugno. Sia pure nel rispetto dei vincoli, e delle molteplici attenzioni ancora imposte dalla permanenza del virus sul territorio nazionale, la Fidal ha prodotto due differenti modalità organizzative, in grado di soddisfare il grande desiderio di competizioni giunto da ogni angolo del Paese”.

Le sezioni per le competizioni su posta e quello per i test di allenamento certificati rappresentano due format chiaramente differenti, realizzati dalla Fidal “tenendo sempre ben presenti le generali difficoltà del momento e la prudenza che in ogni caso si dovrà adottare ovunque. Due possibilità organizzative, al momento sempre a porte chiuse. Uno è il classico format di competizioni che va dai Campionati Federali, ai grandi meeting, fino alle gare regionali e provinciali, adattando il protocollo alla specificità dell’impianto e della manifestazione. L’altro è un ‘test di allenamento controllato’, una formula più ‘light’ con risultato omologato. Il tutto, in attesa di poter ufficializzare anche la versione finale e perfezionata della modalità ‘Concorsi a distanza‘, il cui test di esordio si è svolto da pochi giorni.

Format che contemplano la possibilità di svolgere i salti in estensione senza alcuna limitazione e gli 800 metri in corsia e a cronometro. Per i Campionati e i meeting le difficoltà organizzative saranno ovviamente maggiori, in ragione delle dimensioni dell’evento e del numero dei partecipanti/presenze alle quali dovranno essere applicate le misure di tutela della salute che, per un periodo al momento indefinibile, si dovranno ancora adottare”.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it