Connect with us

Sport

Menna al Circolo Tennis Vasto: “Procedure rispettate”

Published

on

Il sindaco interviene dopo le polemiche sulla futura gestione degli impianti sportivi al Parco Muro delle Lame

Attraverso una lettera inoltrata al Consiglio Direttivo del Circolo Tennis ‘Antonio Boselli’ di Vasto che aveva espresso amarezza per l’affidamento ad un’associazione temporanea di impresa della gestione degli impianti sportivi al Parco Muro delle Lame, il sindaco Francesco Menna interviene sulla questione del bando di gara per la gestione respingendo al mittente le accuse piovutegli addosso.

Scrive Menna: “Carissimi, la presente per chiederVi riflessione in merito ad un comunicato diffuso dal Direttivo del Circolo Tennis “A. Boselli” sulla vicenda della gara per la gestione dell’impianto sportivo Parco Muro delle Lame.

Nel messaggio profuso dal Direttivo si fa riferimento ad “una gara che non rispetta le norme stabilite da leggi regionali e nazionali”, ed ancora a “diktat di due o tre persone che hanno mirato dritto agli interessi di parte, anteponendoli a quelli sociali”. Tali accuse circostanziate e pesanti, tanto da assurgere a vere e proprie condotte penalmente rilevanti, mi impongono di trasmettere tutta la documentazione di che trattasi, oltre alla presente nota, all’Ill.mo a Procuratore della Repubblica di Vasto affinché, se possibile, si valutino i dovuti chiarimenti del caso.

Nel comunicato si sottolinea, inoltre, che il Circolo Tennis “A. Boselli” aveva avanzato circa un anno e mezzo fa una proposta di ristrutturazione degli impianti sportivi per un importo di € 275 mila euro e, che a tale proposta, non è seguita risposta alcuna. Rispetto a tale assunto, spiace dover precisare che nei vari incontri che ci sono stati, da ultimo quello avvenuto in Aula Consiliare ad ottobre 2019, in presenza tra l’altro di vari iscritti, si è più volte ribadito che le proposte devono seguire l’iter dei progetti di finanza di cui agli artt. 180 e ss del Codice degli Appalti. Si è fatto presente anche dell’obbligo di garanzie bancarie e fideiussioni purtroppo mai pervenute. Si è suggerito, quindi, di ripresentare eventuali proposte secondo l’iter di legge. Ma ancora niente. Si è arrivati, quindi, dopo svariati anni dalla scadenza della convenzione, ad una gara svolta secondo i principi di legge e le linee guida Anac 1300 del 2016 (https://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/-Atto?ca=6672); vedansi, inoltre, le tante gare espletate da numerosi Comuni italiani.

Oggi ci si trova di fronte ad un ATI che si è aggiudicata la gara e che ha preso impegni ben precisi. Credo che gli amanti del tennis e tutte le persone libere da retro pensieri e appetiti di qualsiasi natura, debbano essere felici di questo fatto e stringersi attorno a questi investitori per far si che il Parco Muro delle Lame diventi finalmente un volano sociale, sportivo, culturale ed economico, oltre che un modello da seguire. Per chi invece continua a voler pescare nel torbido o cerca con ricorsi e denunce di frenare l’azione amministrativa, circostanza a cui sono abituato ormai (si pensi a quanto avvenuto per il nuovo canile, per l’ampliamento del nuovo cimitero, per il comodato relativo all’oratorio San Paolo, per le denunce sul Palazzetto dello Sport, ecc.) non mi resta altro che salutarli insieme a tutti voi con cordialità immutata.

Infine si chiede, gentilmente, al direttivo in indirizzo di trasmettere la presente a tutti gli iscritti soci del Circolo Tennis”.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it