Connect with us

Calcio

Nicola Fiore: “Vasto scelta di cuore, mai pensato di andare via dalla mia città”

Published

on

28/06/2017 – Nel pomeriggio la Vastese ha ufficializzato l’accordo, il vastese doc sarà capitano anche nella prossima stagione  

La Vastese ha piazzato il primo tassello del suo nuovo mosaico. Ripartendo da un big, elemento di spessore per la categoria, quel Nicola Fiore vastesissimo rientrato nella sua città la scorsa estate e ora alla soglia dei trent’anni pronto a trascinarla come già fatto nella passata stagione con 13 assist e tanto altro. Una mossa astuta da parte della dirigenza biancorossa, la permanenza a Vasto di Fiore rappresenta una base importante da cui ripartire, la Vastese fa sul serio.

Nicola Fiore, un anno fa fu l’ultimo dei senior a firmare nel ritiro di Castelmauro, oggi rappresenta il primo innesto in vista della prossima stagione, cosa l’ha spinta a dire subito si al rinnovo? “Dodici mesi fa c’era una squadra in Lega Pro in forte pressing, alla fine ho scelto di tornare a casa, la mia città non la cambio con nessun altra realtà, non mi andava di interrompere un discorso iniziato dodici mesi fa, ci sono tutte le carte in regola per fare bene”.

Due mesi fa, al triplice fischio nella sfida persa contro l’Olympia Agnonese i suoi pensieri la portavano lontano da Vasto o già immaginava a come risollevare le sorti biancorosse dopo il settimo posto? “Mai pensato di andare via dalla mia città, in quest’ultimo mese non nego di aver ricevuto offerte da società ambiziose di Serie D e Lega Pro, una devo ammettere che mi ha fatto vacillare per qualche ora ma pensandoci bene sarei stato un pazzo ad andare via,  ho scelto con il cuore, sono il capitano della mia città, una piazza esigente ma che ha calore e seguito, difficile chiedere di più”.

La società come l’ha convinta per continuare ad indossare ancora la maglia biancorossa con tanto di fascia di capitano al braccio? “I dirigenti dal primo giorno di ritiro dello scorso anno mi hanno fatto sentire importante ogni giorno per questo progetto, ci tenevano molto alla mia conferma, ci siamo venuti incontri, io ho rinunciato a qualcosa e loro hanno compiuto uno sforzo ulteriore”.

Tra i volti nuovi lavorerà a stretto contatto con il direttore sportivo Francesco Micciola, quali sono le sue prime impressioni? “Appena è arrivato a Vasto mi ha subito chiamato chiedendomi la disponibilità per continuare insieme il cammino, alcuni miei compagni me ne hanno sempre parlato in termini positivi ed è quello che ho constatato in questi giorni, è un direttore preparato e ambizioso”.

In panchina invece ritroverà Gianluca Colavitto, si aspettava un suo ritorno cinque mesi dopo l’avvicendamento avvenuto nel febbraio scorso? “Anche con il mister ho già avuto modo di sentirmi qualche giorno fa, con lui nella scorsa stagione non ho avuto alcun tipo di problema, è un gran lavoratore e sono certo che vorrà togliersi altre soddisfazioni qui a Vasto”.

È ancora presto per parlare di obiettivi visto che lei è il primo nome ufficializzato dalla società ma nella prossima stagione la Vastese a cosa potrà ambire? “Sono rimasto qui anche perché sono convinto che la società è al lavoro per costruire una squadra competitiva, sono fiducioso, non è detto che spendendo meno dello scorso anno non si arrivi più in alto, potrei essere uno dei più esperti del gruppo ma questo non mi fa paura, è una responsabilità che mi prendo volentieri”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it