Connect with us

Calcio a 5

Niente da fare per l’Acquaesapone: la Supercoppa è di Pesaro

Published

on

Poker marchigiano e trionfo per Colini

Coach Fulvio Colini si conferma bestia nera dell’Acquaesapone e del collega Max Bellarte e porta a casa l’ennesimo trionfo della sua carriera. La Supercoppa Italiana è dell’Italservice Pesaro, che regola senza troppi patemi i nerazzurri e mette in bacheca il secondo “titulo” – per dirla alla Mourinho – della sua storia.

Dopo lo scudetto di giugno, infatti, l’Italservice Pesaro davanti al pubblico amico del Pala Nino Pizza vince 4-2 . I “rossiniani”, che ipotecano il successo nel primo tempo e resistono nella ripresa agli assalti avversari con il portiere di movimento, hanno sempre in mano il match che conducono con autorità in porto, nonostante 4 legni centrati dai nerazzurri abruzzesi.

ITALSERVICE PESARO – ACQUA&SAPONE UNIGROSS 4-2 (p.t. 4-1)
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Carducci, Del Grosso, Tonidandel, Fortini, Salas, Honorio, Canal, Taborda, De Oliveira, Marcelinho, Guennounna, Borea. All. Colini.
ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Houenou, Liviero, Murilo, Calderolli, Jesulito, Gui, Mambella, Coco Wellington, Avellino, Jonas, Nicolodi, Rocha. All. Bellarte.
ARBITRI: Nicola Maria Manzione (Salerno), Daniele Di Resta (Roma 2), Angelo Galante (Ancona). Crono: Riccardo Davì (Bologna).
MARCATORI: nel p.t. 10’57’’ Marcelinho (P), 12’17’’ Taborda (P), 15’ Tonidandel (P), 16’34’’ Jesulito (A), 18’45’’ Honorio (P); nel s.t. 17’52’’ Jonas (A, rig.).
NOTE: spettatori 1000 curca; espulsi ; ammoniti Honorio (P), Avellino (A), Coco Wellington (A), Jesulito (A), Salas (P), Jonas (A).