Connect with us

Calcio

Niente sorpasso salvezza: Vastese, solo pari contro l’Aprilia

Published

on

Botta e risposta a inizio ripresa tra Vasco e Martiniello. Tra otto giorni trasferta in casa dell’Agnonese

Pareggite in casa Vastese. Cinque segni X nelle ultime sei giornate certificano un momento delicato (complice soprattutto il Covid) per i biancorossi oggi pomeriggio, nell’anticipo al sabato, non andati oltre l’1 a 1 all’Aragona contro l’Aprilia. Alla vigilia si era parlato di sfida salvezza da vincere ad ogni costo, ci sarebbe stato il sorpasso in classifica ai danni dei laziali e scollinare quota trenta avrebbe dato ulteriori motivazioni per il finale di stagione. Così non è stato, la Vastese si è trovata addirittura costretta a rincorrere con Martiniello autore del pari cento secondi dopo l’iniziale vantaggio ospite firmato da Vasco.

La partita – D’Adderio non rischia Di Rienzo e Martinez che si accomodano in tribuna, la buona notizia è il rientro del difensore Capitanio seduto in panchina e recuperato dopo la lesione. Senza lo squalificato Barbarossa il tecnico molisano abbandona la difesa a quattro e almeno inizialmente, davanti a Boccanera, schiera un terzetto difensivo guidato da capitan Di Filippo insieme a Diallo e Altobelli. 343 con il tridente guidato da Martiniello supportato dagli under Mamona e Bernardi. Le novità sono in mediana, sui lati ci sono Di Prisco e Cauterucci (già titolare a Campobasso) alla prima da titolare all’Aragona così come il 2000 Monza (esordio assoluto in biancorosso) piazzato nel cuore del gioco di fianco ad Obodo. I laziali dopo le cinque sberle prese sei giorni fa in casa contro la Recanatese tornano in campo privi dello squalificato Sossai e il “Pollo” Olivera (ex Juventus, Fiorentina e Genoa) out per infortunio. 433 per il tecnico Galluzzo, l’ex di turno Pollace è piazzato sulla destra in difesa insieme ai centrali Vasco e Battisti senza dimenticare il terzino sinistro Calisto. Il centravanti è Laghigna, ai suoi lati ci sono Ouedraogo e Bosi. Capitan Vasco guida la mediana completata da Bernardini e Succi.

L’ex di turno Pollace

Al pronti via l’Aprilia affonda subito sulla sinistra, Calisto spinge e offre un assist al bacio ma a centro area Bernardini non impatta per millimetri facendo tirare un sospiro di sollievo ai biancorossi. La risposta arriva con una conclusione di Martiniello che sorvola la traversa. Gli ospiti fanno capire di voler riscattare il pesante passo falso e continuano a premere, doppia conclusione ravvicinata di Ouedraogo, sulla prima risponde presente l’estremo marchigiano, l’altra non trova lo specchio della porta. Dopo un mezzora di attesa e qualche timore viene fuori anche la Vastese, conclusione da fuori di Martiniello di poco a lato, poi ci prova anche Bernardi, posizione troppo defilata per impensierire Salvati. Prima di rientrare negli spogliatoi tocca ancora all’Aprilia, altre due potenziali occasioni da gol ma si rientra negli spogliatoi sullo zero a zero. Il secondo tempo si apre nel peggiore dei modi per la Vastese, Calisto penetra in area, Monza lo atterra e il fischietto anconetano indica il dischetto. Dagli undici metri va capitan Vasco, palla da una parte Boccanera dall’altra. Il gol sveglia i biancorossi che rispondono dopo meno di cento secondi, punizione calciata da Obodo, a centro area Martiniello incorna, conclusione centrale ma che trova impreparato Salvati, il suo errore regala il pari immediato.

Per il centravanti campano gol numero cinque con la maglia biancorossa. A diciassette minuti dal novantesimo tripla occasionissima per i vastesi, prima Martniello da due passi, poi Mamona e infine Diarra, l’estremo ospite si riscatta e chiude tutto. I cambi riabilitano i vastesi che cercano la strada giusta per completare la rimonta e la sfiora con Franzese, splendida la sua girata in area al novantesimo ma difensore e portiere si salvano in extremis. Chance con Diarra, botta violenta dal limite ma non mette paura all’Aprilia, all’ultimo assalto Di Filippo, da due passi, calcia debolmente sprecando una ghiotta occasione: al triplice fischio è 1 a 1.

Un punto a testa, i biancorossi non trovano quel sorpasso in classifica che avrebbe pesato parecchio in ottica salvezza diretta. Cinque punti nelle ultime sei giornate (zero vittorie), cammino lento, serve una nuova accelerazione per avvicinarsi il prima possibile a quota quaranta. Tra otto giorni non si giocherà all’Aragona contro il Castelfidardo, la Lnd ha riformulato il calendario e alla Vastese, domenica 2 maggio toccherà la trasferta in casa dell’Olympia Agnonese: un altro pareggio non servirebbe a nulla, conteranno solo i tre punti.

VASTESE – APRILIA: 1 – 1

Reti: 3’st Vasco (A), 5’st Martiniello (V)

VASTESE: Boccanera, Di Filippo, Altobelli, Monza (33’st Cardinale), Obodo, Diallo, Bernardi, Di Prisco (21’st Lenoci), Martiniello (42’st Franzese), Mamona, Cauterucci (18’st Diarra). A disposizione: Falzano, Capitanio, De Angelis, Sansone, Solimeno. All.: D’Adderio

APRILIA: Salvati, Pollace, Succi, Vasco, Bosi (42’st Corelli), Ouedraogo (38’st Sansotta), Battisti, Luciani, Bernardini (26’st Bianchi), Calisto, Laghigna. A disposizione: Prudente, Pezone, Lapenna, Martinelli, Mannucci, Ruggieri. All.: Galluzzo

Arbitro: Enrico Eremitaggio di Ancona (Capasso di Piacenza e D’Anna di Caserta)

Ammoniti: Altobelli (V), Succi (A), Ouedraogo (A)

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it