Connect with us

Calcio

Obodo: “Ad Aprilia sarà una Vastese incazzata. Domenica due punti persi ma è stata dura allenarsi in pochi”

Published

on

Il classe ’85 nigeriano, faro della mediana biancorossa, esalta mister Silva e punta con decisione sulla voglia di riscatto del gruppo

Operazione riscatto. Non che contro l’Agnonese non ci sia stato, in parte sì pensando al bel recupero dopo essere andata sotto di due gol ma la Vastese domenica vorrà tornare a casa con la prima vittoria stagionale in trasferta.

Lo si intuisce dalle parole pronunciate da Kenneth Obodo, faro del centrocampo biancorosso, uno che vista la sua innata esperienza dalla B fino alla D non ha bisogno di alcuna presentazione. In estate ha scelto Vasto (una sorta di “ritorno” dopo la velocissima esperienza in biancorosso di dodici anni fa quando aveva 23 anni), in città a fine settembre è nato anche il suo quarto figlio, comunque vada sarà comunque un ricordo che lascerà il segno. Sicuramente fuori dal campo ma il trentacinquenne nigeriano farà di tutto per lasciare una sua traccia importante anche sul rettangolo verde con la maglia biancorossa.

Kenneth Obodo, domenica l’impatto con il match non è stato dei migliori, quanto ha inciso il lungo stop? “Tornare in campo dopo un oltre un mese non ha aiutato anche perché è stato un periodo dove mai ci siamo allenati con il gruppo al completo. Per lungo tempo eravamo meno di dieci al campo, poi pian piano si sono aggiunti altri pezzi, il Covid ha creato più di un problema e domenica almeno nella prima mezzora si è visto”.

Dopo la mezzora iniziale però la Vastese ha reagito alla grande, si può parlare di punto guadagnato o due punti persi? “Nonostante l’impossibilità a lavorare tutti insieme tutti avevamo voglia di tornare in campo conquistando l’intera posta in palio, ecco perché parlo più di due punti persi. Abbiamo anche rischiato di perderla visto l’inizio, poi abbiamo provato a vincerla ma resta ben impressa la nostra reazione ed è da lì che bisogna ripartire. Finalmente il gruppo ora è al completo, siamo fiduciosi per il futuro”.

Provando a riavvolgere il nastro a metà ottobre contro il Pineto era stata una bella Vastese, quanto vi è dispiaciuto esservi fermati in quel momento? “Tanto, il Covid ci ha stoppati nel momento migliore. Non me ne vogliano gli avversari ma sono sicuro che avremmo continuato a spingere forte in campo se il virus non ci avesse fermato, sarebbero arrivate altre vittorie”.

Dall’alto della tua esperienza, in attesa che il campionato torni protagonista senza i tanti rinvii, dove può arrivare questa squadra? “In estate sarei potuto andare altrove ma questa piazza, sfiorata oltre dieci anni fa, mi aveva sempre intrigato. Realtà a cui la D sta parecchio stretta, meriterebbe altri palcoscenici e noi in campo, tra allenamenti e partite, puntiamo sempre al massimo per portare la Vastese il più in alto possibile. Lo avevo intuito sin dai primi giorni di ritiro di fare parte di un gruppo forte, uomini e giocatori importanti in ogni zona di campo, siamo molto affiatati ed è un dettaglio fondamentale per fare bene fino alla fine”.

Nonostante l’ultimo mese difficile nelle ultime dichiarazioni mister Silva non ha mai fatto drammi, è una guida sicura? “Mai avuto il minimo dubbio sulle qualità del nostro allenatore, è un grande. Sa toccare i tasti giusti, è uno che non molla e che come noi, è venuto a Vasto, non per perdere tempo ma per provare a costruire qualcosa di importante”.

Domenica ad Aprilia caccia al primo successo esterno, che Vastese dobbiamo aspettarci? “Incazzata e con grandissima voglia di centrare la vittoria. Sappiamo però di andare incontro a un match complicato, i laziali vengono dai cinque gol subiti contro il Notaresco e sono ancora a caccia della prima vittoria stagionale. La Vastese non ha paura di nessuno e in campo domenica lo faremo capire”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it