Connect with us

Calcio

Paglialonga: “La Sansalvese non ci sta, perché bloccare solo la Seconda? Fermate tutto, dalla Promozione in giù”

Published

on

Il direttore sportivo dei biancazzurri non ha digerito la decisione del Comitato Regionale abruzzese di rinviare solo l’inizio del campionato di Seconda Categoria

C’è chi ha applaudito alla decisione del rinvio a data da destinarsi e dall’altra parte non manca il blocco di squadre che non digerisce tempi e modi in cui si è arrivati alla decisione. Da ieri pomeriggio è notizia ufficiale, il Comitato Regionale abruzzese ha rinviato, a data da destinarsi (probabilmente una decisione definitiva arriverà il prossimo 16 novembre) l’inizio del campionato dei sette gironi di Seconda Categoria inizialmente previsto nel prossimo weekend, quello del 17 e 18 ottobre.

Tra le società che non hanno digerito la decisione c’è la Sporting Sansalvese che, attraverso le parole del direttore sportivo Giuseppe Paglialonga esprime tutto il rammarico ripensando ai tanti sforzi portati avanti negli ultimi due mesi in vista della nuova stagione, in cui bisognava tenere alta la guardia a causa del Covid. “A scanso di equivoci – le parole di Giuseppe Paglialonga – parto da un punto ben preciso, con questo virus non deve scherzare nessuno, i numeri dei casi in aumento lo dimostrano, tutti dobbiamo prestare massima attenzione ma per il calcio dilettantistico questa situazione non è stata gestita nel migliore dei modi. Ad agosto ci era stato detto che la stagione sarebbe iniziata, tutti dovevamo seguire alla lettera le regole e pur di tornare a divertirci negli allenamenti e la domenica in campo, almeno noi della Sansalvese, ci siamo messi a lavoro per cancellare ogni rischio. Negli ultimi due mesi da parte nostra ci siamo sforzati come non mai, soprattutto dal punto di vista economico, tante le spese già fatte in vista dell’inizio del campionato e ora, a tre giorni dall’inizio della prima giornata si decide di bloccare tutto? Chi è comanda tutto questo? Il Governo, la Asl, la Figc o il primo che si lamenta per non scendere in campo? Noi della Sansalvese non ci stiamo, in questi ultimi due mesi abbiamo rispettato insieme ai gestori delle strutture tutte le regole imposte dall’alto. Ci hanno tartassato di indicazioni precise su come muoverci, noi e tante altre società non siamo mai andati fuori strada e ora ci troviamo a doverci fermare per non si sa quanto tempo?”.

Con la Seconda Categoria bloccata non si sa fino a quando sarà difficile continuare ad allenarsi in vista di una ripresa delle attività che non ha ancora una data certa: “Il protocolla della Seconda Categoria – ha continuano il ds della Sansalvese – è lo stesso che hanno da rispettare altre categorie come Promozione, Prima, Terza, Amatori e tutti i settori giovanili. Ecco perché chiedo che gli organi competenti, dopo aver fermato il campionato di Seconda Categoria, senza averci interpellato negli ultimi giorni, ha l’obbligo morale di bloccare tutti i campionati dalla Promozione fino a quelli del settore giovanile. Se è vero che si ha tanto a cuore la salute di tutti perché altrimenti ci viene da pensare che la scelta sia stata condizionata da altri fattori o da qualche società capricciosa. Ripeto, fermate tutto, se resterà definitiva la decisione di bloccare momentaneamente solo i campionati di Seconda Categoria, verrà per sempre ricordata come una pessima figuraccia”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it