Connect with us

Calcio

Pedroni: “Pro Vasto tappa decisiva della mia carriera. Mare, Holiday e amici, ricordi indelebili”

Published

on

L’ex terzino biancorosso visto anche con le maglie di Inter, Torino e Cremonese, in questi giorni, si sta godendo qualche giorno di relax sulla spiaggia vastese

Gli anni passano inesorabili, i ricordi, per fortuna, quelli restano indelebili. Luoghi e persone, quelli per fortuna nessuno può cancellarli.

Nei mesi scorsi, quelli dominati dal Covid, abbiamo ricordato i fasti della Pro Vasto attraverso le tante interviste, telefoniche e attraverso dirette web, con ex calciatori, allenatori e dirigenti che hanno lasciato un segno nella storia biancorossa.

È sempre l’occasione giusta per riportare a galla certi ricordi, ultimo in ordine di apparizione è il mai dimenticato Alessandro Pedroni, uno che per sua stessa ammissione deve molto a quella sua stagione all’Aragona. 1991/1992 padrone della fascia sinistra difensiva della Pro Vasto guidata in panchina prima da mister Pelagalli e poi Giammarinaro. Nessuna telefonata o diretta web questa volta, l’ex terzino biancorosso, oggi allenatore, si sta godendo qualche giorno di relax sulla spiaggia di Vasto Marina dopo i mesi durissimi del lockdown vissuti nel bresciano, epicentro della pandemia. La location? Hotel Holiday, quello che l’accolse quasi trent’anni fa quando poco più che ventenne fu protagonista assoluto in maglia biancorossa.

Da allora ad oggi il rapporto d’amicizia con le famiglie Ciarlini e Bondavalli è rimasto intatto, Vasto per lui oltre la Vastese è “mare e Holiday”.

Quella stagione fu fondamentale per la sua carriera, da lì in avanti il ritorno alla Cremonese, il passaggio (fu pagato intorno ai 4 miliardi e mezzo delle vecchie lire) in Serie A, nel ‘95/96 con l’Inter appena acquistata da Massimo Moratti, poi il Torino, di nuovo la Cremonese e ancora tanta Serie C. Una carriera importante, oggi quando i cinquant’anni sono sempre più vicini nel calcio continua a starci come allenatore anche se a sentire le sue parole è un mondo molto diverso da quello che ha vissuto da protagonista come calciatore correndo avanti e indietro sulla fascia sinistra.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it