Connect with us

Calcio

Pendenza già cerca il 51°: Virtus Cupello, a Nereto sarà un bell’esame

Published

on

Squadre divise da un punto. Rossoblù con l’organico a disposizione in una delle trasferte più insidiose della stagione

Pendenza: caccia al 51°

Gli esami non finiscono mai. Si respira un gran bel clima in casa Virtus Cupello, vero che siamo solo ad inizio stagione ma già domani i rossoblù potrebbero capire, ulteriormente, la loro forza reale.

Periodo in cui si gioca tanto, tra Coppa e campionato sarà il secondo mercoledì consecutivo di match ufficiali, domani, nell’infrasettimanale, spazio al quarto turno d’Eccellenza (fischio d’inizio ore 15). Per i rossoblù, secondi in classifica e imbattuti dopo i 7 punti raccolti nelle prime tre giornate, la trasferta in casa del Nereto sarà il primo vero banco di prova della stagione. Non che i precedenti match non lo siano stati ma i prossimi avversari hanno tutte le carte in regola per mettere in difficoltà chiunque.

Mister Panfilo Carlucci lo sa benissimo, sta tenendo bassi gli entusiasmi e ai suoi ha chiesto umiltà, sacrificio e massimo impegno in questo primo tour de force della stagione. Difficile che cambierà spartito, nel suo 352 in avanti di fianco a La Selva ci sarà “mister 50 gol” Alessandro Pendenza, domenica ha raggiunto quota tonda in maglia rossoblù (nessuno come lui) ma ha già nel mirino il 51° timbro. Davanti al portiere Di Vincenzo con capitan Giuliano e Felice ancora dal primo minuto il 2000 Caniglia finora sempre in campo dal primo minuto.

In mediana spazio ai laterali Troiano e Racciatti, nel cuore del gioco agiranno Maccioni, Capitoli e Tafili, quest’ultimo pronto a scendere in campo per il sesto match consecutivo dal primo minuto.

In estate il Nereto ha rischiato di salutare il massimo campionato regionale, poi in extremis la società si è iscritta riuscendo a ripartire di slancio vista la rosa costruita nei giorni successivi. A partire dal tecnico, Roberto Vagnoni fino al fine febbraio scorso al primo posto in Serie D sulla panchina del Notaresco ma dopo un girone di andata pazzesco la squadra ha tirato il freno a meno venendo superato dal Matelica nell’ultima giornata (1° marzo) prima dello stop causa Covid. Allenatore di spicco per l’Eccellenza, in queste prime tre giornate ha raccolto bottino pieno nelle due trasferte (senza subire gol) mentre è caduto nell’unico match interno. La sorpresa è in avanti dove il classe 2001 Gardini ha già firmato tre gol potendo contare al suo fianco su un esperto com’è Rodia. Gruppo che vede la presenza dei vari Sorci, Nepa, Succi, Gagliardini, Di Benedetto, Rinaldi e Capocasa. La classifica vede le due squadre divise da un solo punto, la Virtus Cupello cercherà di mantenere, come minimo, invariato il distacco al termine dei novanta minuti ma in caso di allungo vorrà dire che anche quello di domani, sarà un mercoledì da incorniciare.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it