Connect with us

Calcio

Pescara sprecone, pari col Perugia e zona play out vicinissima

Published

on

Doppio vantaggio iniziale (reti di Galano e Maniero) vanificato nei minuti finali del primo tempo con la rimonta umbra

Il debutto di Sottil sulla panchina del Pescara non è andato come nei piani auspicati dal neo allenatore. Pari, pure scoppiettante (2-2 il punteggio) con il Perugia all’Adriatico ma, complici gli altri risultati, classifica che diventa complicatissima con l’ultimo posto della zona play out (occupato dall’Ascoli, con il quale si è comunque in vantaggio negli scontri diretti) distante appena un punto.

La partita. Confermate le indicazioni della vigilia: il neo tecnico sceglie Maniero di punta, supportato da Galano e Pucciarelli, dietro ci sono Zappa e Balzano sulle fasce con Bettella e Drudi centrali davanti a Fiorillo; Palmiero torna in cabina di regia e Busellato e Memushaj completano il centrocampo.

La prima occasione è degli umbri: al 9′ ci prova Carraro (ex della contesa assieme a mister Cosmi, a Melchiorri ed a Capone), palla fuori. Al 12′ il Pescara passa: Galano scarica un sinistro di precisione dal limite e la palla s’infila all’incrocio. Un minuto più tardi subito reattivi gli ospiti e Melchiorri sfiora il pari di testa con Fiorillo decisivo nel deviare la sfera sul palo. Ancora Carraro, al 16′, incorna da ottima posizione ma alto. Al 18′ si rende pericoloso di nuovo Galano, imbeccato da Pucciarelli. Preludio al raddoppio che arriva al minuto numero 23: è Maniero, con un preciso colpo di testa su cross di Balzano, a gonfiare la rete per il 2-0. Al 27′ i padroni di casa potrebbero portarsi sul 3-0 ma Vicario, in due occasioni, è prodigioso prima su Pucciarelli e poi sulla ribattuta di Maniero. Ancora i ragazzi di Sottil premono ed al 39′ è Memushaj a rendersi pericoloso.

La gara sembra essersi messa bene per il Delfino, ma il finale di tempo è invece da incubo. Al 42′, dopo una traversa di Melchiorri, è Iemmello a non lasciarsi sfuggire la ghiotta opportunità e accorcia le distanze. In pieno recupero, poi, è Buonaiuto ad andare a bersaglio, per il 2-2 che segna la fine della più che frizzante prima frazione di gara.

Nella ripresa meglio l’undici di Cosmi che coglie un altro palo con Iemmello, complice un salvataggio di Crecco a l4′ e va vicino al colpo grosso con Melchiorri al 32′. Per il Pescara chanche iniziali per Palmiero e Galano, ma senza concretezza.

La gara termina in parità. La lotta nella zona play out si fa incandescente. E la prossima partita a Venezia, squadra a pari punti coi biancazzurri, diventa davvero delicata.

Pescara-Perugia 2-2

Reti: 12′ Galano, 23′ Maniero, 42′ Iemmello, 47′ pt Buonaiuto

Pescara (4–3–3): Fiorillo; Zappa, Bettella, Drudi, Balzano (37′ st Bruno); Busellato, Palmiero (11′ st Crecco), Memushaj (37′ st Del Grosso); Galano, Maniero (17′ st Borrelli), Pucciarelli (11′ st Bocic). A disposizione: Alastra, Elizalde, Masciangelo, Kastanos, Clemenza, Manè, Diambo, Belloni. All. Sottil

Perugia (3–5–2): Vicario; Rosi, Rajkovic, Falasco; Mazzocchi (21′ st Kouan), Dragomir (27′ Buonaiuto), Carraro, Nicolussi, Di Chiara; Melchiorri, Iemmello. A disposizione: Fulignati, Albertoni, Angella, Benzar, Gyomber, Nzita, Righetti, Konate, Capone, Falcinelli. All. Cosmi

Arbitro: Prontera di Bologna