Connect with us

Calcio

Rimonta sfiorata con Fiore: il Matelica rischia ma porta a casa la vittoria

Published

on

La capolista devastante nella prima mezzora, poi i biancorossi con due rigori nel secondo tempo hanno sfiorato l’incredibile rimonta. Domenica prossima ancora nelle Marche, si va a Jesi

Tantissimo Matelica nella prima mezzora, poi, come già successo ad Avezzano la Vastese ha sfiorato quel pareggio che avrebbe avuto dell’incredibile. Nella quarta giornata del girone F però ai biancorossi non è bastata la doppietta su rigore di Nicolino Fiore, la prima della classe con le tre reti realizzate nei primi trenta minuti ha confezionato un preziosissimo 3 a 2.

Mister Colavitto aveva sorpreso inizialmente confermando in blocco l’undici vittorioso sette giorni fa compreso Casciani sulla sinistra nonostante il rientro dalla squalifica di De Chiara dovendo rinunciare ai soliti Viscardi e Cherillo. Dall’altra parte il Matelica in campo con tutti i big è subito partito con il piede forte sull’acceleratore, Magrassi ci ha provato in tre occasioni ma a sbloccare il match ci ha pensato Angelilli con un preciso colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Da lì in avanti i vastesi si sono sciolti, bomber Magrassi ha colpito due volte in sette minuti, prima sfruttando un errore degli ospiti e poi con una conclusione precisa dal limite. Dopo aver subito tre gol in quattordici minuti la Vastese ha provato a reagire ma la punizione dal limite di capitan Fiore si è stampata sulla traversa.

Nel secondo tempo i padroni di casa hanno provato a trovare già al pronti via la rete del poker ma poco prima dell’ora di gioco il fischietto novarese ha fischiato un calcio di rigore a favore della Vastese per un fallo di mano sugli sviluppi di una punizione calciata da Pizzutelli. Infallibile capitan Fiore dagli undici metri per provare a ridare brio agli ultimi quaranta minuti di gioco. Maronilli poco dopo la mezzora ha evitato il definitivo tracollo salvando la porta vastese dopo una conclusione di Lo Sicco. Sul capovolgimento di fronte Bittaye scappa a Brentan che lo atterra in area, altro calcio di rigore, Fiore è glaciale nel riaprire il match. Nei dieci minuti finali i biancorossi assediano i padroni di casa che si chiudono riuscendo a blindare il 3 a 2 fino al tripliche fischio con l’ultimissima occasione capitata sulla testa di Stivaletta a lato di nulla.

Nonostante la terza sconfitta nelle ultime quattro giornate i biancorossi restano saldamente in terza posizione(40 punti) con la vetta ormai lontana tredici punti, in campo il Matelica ha confermato tutti i numeri mostruosi inanellati finora, oltre al primato di classifica anche il miglior attacco e la difesa meno perforata del girone, per i marchigiani la Serie C è sempre più vicina. La Vastese come ad Avezzano si è svegliata troppo tardi ma la reazione fa ben sperare, tra sette giorni altro viaggio in terra marchigiana, in casa della Jesina si dovrà tornare a muovere la classifica.

MATELICA – VASTESE: 3 – 2

Reti: 18’pt Angelilli(M), 25’pt e 32’pt Magrassi(M), 10’st Fiore su rigore(V), 36’st Fiore su rigore(V)

MATELICA: Demalija, Brentan, De Gregorio, Meneghello(32’st Cuccato), Lo Sicco, Messina, Angelilli, Callegaro, Magrassi, Gabbianelli(18’st Tonelli), D’Appolonia(44’st Gilardi). A disposizione: Rivosecchi, Malagò, Gerevini, Riccio, Lillo. All.: Tiozzo

VASTESE: Camerlengo, Cane, Casciani, De Feo(1’st Bittaye), Amelio, Maronilli(38’ stIarocci), Stivaletta, Pizzutelli, Leonetti, Fiore, Tedesco. A disposizione: Alonzi, Iodice, De Chiara, Carice, Di Pietro, Lucciarini, Alberico. All.: Colavitto

Arbitro: Michele Giordano di Novara (Fissore di Nichelino e Lombardo di Aosta)

Ammoniti: De Feo(V), Gabbianelli(M), Amelio(V), Tonelli(M)

Redazione Vasport – redazione@vasport.it