Connect with us

Calcio

Sambuceto, primi frutti dalla cura Montani

Published

on

Nel prossimo turno sul campo della Torrese si cercheranno conferme

I risulatati, è noto, nel mondo del calcio sono l’unica cura possibile per un paziente malato. E nel nuovo Sambuceto il 2-2 in rimonta maturato contro lo straripante Castelnuovo Vomano è il primo passo verso una crescita di squadra che è lecito attendersi da un organico davvero importante per la categoria.

La cura Montani, insomma, inizia a dare i propri frutti.  L’approdo del tecnico ex Francavilla in panchina ha portato di sicuro grandi novità, a partire dal modulo (4-3-3), e nonostante il poco tempo sin qui avuto a disposizione (e le numerose defezioni che ormai tormentano la rosa viola dall’inizio della stagione) i viola hanno dimostrato di iniziare a “masticare”, e soprattutto, mettere in pratica, l’idea di calcio richiesta dal mister. Siamo ancora lontani dagli standar necessari per provare ad insidiare le squadre di vertice, ma l’inizio di questo processo di “montanizzazione” del team lascia ben sperare nei pressi della Cittadella dello Sport di Sambuceto.

E non solo: il recupero di bomber Fabio Lalli, la cui assenza è pesata tantissimo in avvio di stagione, l’imminente ritorno a disposizione di altri elementi importanti in organico e l’inserimento di Jacek Ligocki sono ulteriori motivo di ottimismo. Nel prossimo turno, sul campo della Torrese, però, servono conferme.