Connect with us

Basket

Spadaccini: “La Vasto Basket è pronta a tornare a casa, riabbracceremo i nostri ragazzi al PalaBcc”

Published

on

Il numero uno biancorosso annuncia che dal 4 ottobre la famiglia biancorossa, dai più piccoli fino alla prima squadra, tornerà nel palasport di via Conti Ricci dal febbraio scorso polo vaccinale della città

La lettera integrale di Giancarlo Spadaccini (nella foto, di repertorio, pre Covid), presidente della Ge.Vi. Vasto Basket:

“Dal mese di febbraio 2021 abbiamo concesso il PalaBCC in uso all’Amministrazione Comunale e alla ASL. Inizialmente solo per i tamponi, ma successivamente per l’immenso lavoro dei vaccini. Risultati esaltanti ai quali tanti hanno contribuito, ma tra loro la Vasto Basket ha avuto un ruolo fondamentale di partecipazione perché ne ha sostenuto, con grandi sacrifici, le spese e perché ha dovuto far rimanere a casa tanti ragazzi che scalpitavano sotto canestro. Anche loro meritano un applauso. Ora, il tempo è giunto, anche se con un po’ di ritardo rispetto alla previsione.

Da lunedì 4 ottobre alle ore 15:00 il PalaBcc tornerà a essere la casa del basket e il Ge.Vi. parquet, vedrà di nuovo i nostri 250 atleti correre e saltare.La passione non muore mai! Abbiamo raggiunto un obiettivo sociale per questa città, abbiamo sostenuto uno sforzo economico che non molti avrebbero accettato, abbiamo continuato a credere che sarebbe andato “tutto bene”, abbiamo chiesto pazienza e fiducia ai ragazzi e ai tecnici. Nell’anno 2021, che segna il nostro cinquantesimo anno di attività, possiamo affermare che questa Associazione, che è di certo la più longeva nello sport vastese e che, è tra le prime 1584 società italiane di basket, avrà la forza per festeggiare anche il prossimo cinquantesimo. Sì, perché le persone (prima di tutto) che si avvicinano alla Vasto Basket lo fanno con gli stessi ideali, la stessa sincerità, la stessa volontà e gli stessi sacrifici che sono sempre donati ai tanti ragazzi della nostra città. Grazie a tutti gli sportivi che ci vogliono bene, grazie ai tanti amici, grazie a chi soprattutto ci comprende, perché spesso si rileva la cosa più difficile”

Redazione Vasport – redazione@vasport.it

Advertisement
Advertisement

Facebook