Connect with us

Rubriche

Sport e bambini, breve guida alla scelta dell’attività giusta

Published

on

Lo sport, di qualsiasi genere, permette ai bambini fin da piccoli di fare nuove amicizie, imparare la disciplina e il lavoro di squadra e sviluppare delle sane abitudini per uno stile di vita attivo, benefici ed insegnamenti che porteranno con sé anche nella loro vita adulta. Far inserire il proprio figlio in un contesto sportivo è fondamentale per la sua crescita psicofisica. Ogni bambino, però, è diverso e quindi è possibile che debba provare molte discipline prima di trovare lo sport più giusto e adatto alla sua personalità. Non bisogna assolutamente forzare un bambino a fare uno sport contro la sua voglia, inoltre un genitore non dovrebbe mai imporre la scelta di uno sport al proprio figlio: è sbagliato proiettare sui figli i ricordi e magari i rimpianti dell’infanzia di un genitore. Una cosa importante da dire è che è fondamentale che il bambino veda lo sport all’inizio semplicemente come un gioco e un divertimento da fare insieme ad altri compagni della sua stessa età, senza alcun tipo di competizione. 

Molti sono gli sport consigliati già a partire dai 5 anni di età. Il nuoto è uno degli sport maggiormente indicati perchè è uno dei più completi: infatti esso fa sviluppare bene tutti i muscoli del corpo e migliora la qualità respiratoria e l’ossigenazione del bambino. Per evitare che il bambino possa avere paura dell’acqua, è bene farlo iniziare a nuotare il prima possibile. Anche la ginnastica artistica è consigliata a partire dai cinque anni e anch’essa, come il nuoto, ha il pregio di sviluppare bene tutte le parti del corpo del bambino. Nuoto e ginnastica sono i due sport maggiormente indicati per l’approccio del bambino al mondo dello sport. Gli sport di squadra sono consigliati a partire dai 6/7 anni e sarebbe giusto accoppiarli ad un’altra attività che rafforzi tutta la muscolatura: infatti uno sport di squadra come ad esempio il calcio non è completo dal punto di vista muscolare, perchè potenzia sopratutto le gambe a scapito di altre zone. Fondamentale quindi nei primi anni riuscire a far crescere il bambino in ogni parte del corpo, senza tralasciare nessuna zona. Questi comunque sono solo alcuni esempi; ci sono tantissimi sport che i bambini possono praticare, dall’atletica leggera alla danza, dal basket alla pallavolo, ecc. L’importante è, come detto, non forzare mai il bambino nella sua scelta: egli deve essere libero di poter scegliere lo sport che meglio si adatti al suo fisico e alla sua personalità.

 

Andrea Giove – andreagiove@vasport.it