Connect with us

Volley

Sportland Gissi, si ricomincia! Al via la stagione 2020/2021

Published

on

Parlano il presidente Catiuscia Cinti e l’allenatore Gianni Busilacchi

Riparte l’attività della Sportland Gissi, società di pallavolo che con la prima squadra partecipa al Campionato di Prima Divisione femminile abruzzese: da questa settimana si radunano i gruppi agonistici e, da metà mese, i gruppi promozionali e amatoriali.

Priorità all’organizzazione del lavoro per svolgere le attività in sicurezza, ma tanti sono gli aspetti su cui si sta lavorando, come spiega il presidente Catiuscia Cinti: “Come per la ripresa delle attività fatta a giugno, a seguito del periodo di lockdown, la nostra attenzione è focalizzata sulla sicurezza. Abbiamo già da allora redatto un nostro protocollo organizzativo che abbiamo via via adattato alle linee guida emesse dalla federazione. Continuiamo su questa strada che ha riscosso il benestare dell’ente comunale e della federazione e soprattutto la fiducia delle famiglie, permettendoci di svolgere attività in palestra, con tutto il gruppo agonistico, fino al 31 luglio.

Stiamo lavorando anche sulla struttura organizzativa, rinforzando lo staff tecnico e quello dirigenziale. È un periodo molto complesso, tante società anche di livello superiore alla nostra stanno venendo meno, per problemi economici o legati agli impianti, noi siamo ancora qua ma per farlo abbiamo moltiplicato l’impegno che da sempre abbiamo messo nell’organizzazione e nella programmazione“.

Dal punto di vista tecnico grossa spinta sui settori giovanili, sottolinea l’allenatore Gianni Busilacchi: “Puntiamo molto sulla crescita delle nostre giovani, avere 4 ragazze di cui due 2006 e due 2007 già in pianta stabile nel gruppo della Prima Divisione sin dalla precedente stagione, per una piccola realtà come la nostra, è un risultato enorme. Accanto a loro, il gruppo storico e con esperienza che contribuisce alla crescita delle più piccole. Il nostro impegno, però, va ben oltre quello che succede nel rettangolo di gioco. In questo particolare e complesso momento storico, la nostra non è una sfida agli eventi, crediamo profondamente nel ruolo educativo e sociale che lo sport ricopre e pensiamo che quei mattoncini che, assieme all’educazione scolastica e familiare, vanno a costruire la formazione dei ragazzi non possano mancare, perché lascerebbero un vuoto che potrebbe essere colmato da cose fuorvianti. L’amministrazione comunale ha sempre condiviso i nostri principi ed il nostro modo di lavorare, dandoci un grosso supporto. Le aspettative dei nostri ragazzi – conclude Busilacchi – non possono essere disattese, lavoriamo per questo“.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it