Connect with us

Calcio

Stop Vastese: Martiniello non basta, all’Aragona passa il Castelfidardo

Published

on

I marchigiani s’impongono con un gol per tempo, vano il rigore del napoletano. Domenica biancorossi impegnati a Castelnuovo Vomano, Covid permettendo

Si ferma la Vastese. Dopo la splendida prestazione contro il Notaresco i biancorossi, oggi pomeriggio, non sono riusciti a centrare la terza vittoria consecutiva lasciando strada al Castelfidardo capace di imporsi con una sfortunata autorete di Altobelli e la ribattuta di Njambe dopo il penalty parata da Di Rienzo all’ex Giampaolo. Dopo essere andati sotto di due reti il penalty di Martiniello aveva riacceso le speranze dei biancorossi ma i marchigiani hanno retto l’urto blindando i tre punti con l’1 a 2 finale.

La partita – Squadra che vince non si cambia, mister D’Adderio sorprende, e non poco, lasciando in panchina Diarra e Martinez addirittura in tribuna. Davanti al portiere Di Rienzo il solito quartetto con i terzini Barbarossa e Diallo guidati dai centrali Di Filippo e Altobelli. Nel cuore del gioco di fianco ad Obodo agisce Monza, sulle corsie laterali spazio a Di Prisco e Lenoci. Davanti c’è il “MaMa”, Martiniello affianca Mamona miglior marcatore con sei centri. Il Castelfidardo schiera dal primo minuto tutti e tre gli ex, davanti c’è Daniel Giampaolo quest’anno autore di 10 centri, a centrocampo l’under Corcione (a Vasto fino al gennaio scorso) e come terzino sinistro tocca a Mataloni. Nel 433 il fronte offensivo è completato da Njambe e Braconi, in mediana Rossini e Di Dio mentre in difesa al centro agiscono Puca e Zeeti con Cusimano terzino destro. In porta il senior David. Al pronti via l’occasionissima è per il Castelfidardo, l’ex Giampaolo scatta sul filo e cerca di sorprendere Di Rienzo ma sul pallonetto il numero uno è attentissimo. Gli ospiti partono forte e dopo otto minuti trovano subito il vantaggio, sugli sviluppi di un angolo sfortuna è una deviazione di Altobelli, la palla s’infila in rete. Match subito in salita per i padroni di casa che provano a reagire con un’incursione di Lenoci steso al limite, giallo per Puca e bolide di Obodo che per poco non trova lo specchio della porta. Al minuto ventisette la Vastese va vicinissima al pari ma il colpo di testa di Di Prisco si stampa sul palo. Da un legno all’altro, quello che colpisce Giampaolo, questa volta sono i vastesi a salvarsi tre minuti prima di rientrare negli spogliatoi.

D’Adderio butta nella mischia Franzese e Diarra lasciando negli spogliatoi Lenoci e Monza ma l’inizio della ripresa sorride di nuovo al Castelfidardo. Di Rienzo atterra in area Giampaolo, dagli undici metri l’ex di turno si fa ipnotizzare dal portiere molisano ma sulla ribattuta Njambe ribadisce in rete. Monta la rabbia biancorossa per un fuorigioco non fischiato (ribattuta calciata prima da Giampaolo, poi la deviazione del compagno) ma il fischietto aretino convalida il gol. Ora i gol da recuperare sono due, Franzese accorcia subito ma l’assistente annulla tutto per offside. Bell’impatto sul match dell’attaccante calabrese ancora sfortunato quando incorna ma colpisce la traversa. I biancorossi vogliono riaprirla e ci riescono a quindici minuti dal novantesimo quando Franzese (migliore in campo tra i padroni di casa) viene steso in area da Puca, dal dischetto va lo specialista Martiniello, esecuzione perfetta e sesto gol con la maglia biancorossa. A undici minuti dal novantesimo il Castelfidardo resta in inferiorità numerica, Njambe, già ammonito, si lascia andare in area, Borriello di Arezzo non abbocca, estrae il secondo giallo e lo manda negli spogliatoi. Nel finale botta di Solimeno che sfiora l’incrocio dei pali, poi uno schema su punizione dal limite non sorride ai vastesi. Nell’ultimissimo secondo di gioco i padroni di casa protestano per un tocco di mano in area ma l’arbitro lascia correre.

Stop dopo quattro turni consecutivi (8 punti) per i biancorossi che restano fermi a quota 35 in 11° posizione mentre il Castelfidardo blinda la salvezza con i 42 punti e tocca il 4° posto. L’obiettivo dei vastesi sarà quello di riprendere quanto prima il discorso con i tre punti magari già da domenica anche se la sfida in programma a Castelnuovo Vomano, al momento è in dubbio a causa delle positività che stanno frenando i teramani, la decisione definitiva arriverà venerdì. Sicuramente all’Aragona Di Filippo e compagni torneranno solo il 9 giugno quando sfideranno il Porto Sant’Eplidio, il match precedente interno non si giocherà all’Aragona vista la squalifica del campo, nei prossimi giorni si saprà quale sarà la sede della sfida contro il Cynthialbalonga. La Vastese oggi avrebbe potuto aggiungere altri mattoni alla sua salvezza ma si è dovuta fermare, nulla di preoccupante anche se vincere anche oggi avrebbe avvicinato di molto il traguardo.

VASTESE – CASTELFIDARDO: 1 – 2

Reti: 8’pt autogol Altobelli (C), 3’st Njambe (C), 30’st Martiniello su rigore (V)

VASTESE: Di Rienzo, Di Filippo, Altobelli, Barbarossa, Obodo, Diallo (25’st Solimeno), Lenoci (1’st Franzese), Di Prisco (19’st De Angelis), Martiniello, Mamona (25’st Bernardi), Monza (1’st Diarra). A disposizione: Boccanera, Capitanio, Cardinale, Cauterucci. All.: D’Adderio

CASTELFIDARDO: David, Cusimano (45’st Rinaldi), Mataloni, Rossini, Puca, Zeeti, Di Dio, Corcione, Njambe, Giampaolo (39’st Bracciatelli), Braconi. A disposizione: Sprecacè, Bilotta, Santangelo, Mazzieri, Monachesi, Mancini, Cardinali. All.: Lauro

Arbitro: Raimondo Borriello di Arezzo (Laghezza di Mestre e Tomasi di Schio)

Ammoniti: Mataloni (C), Monza (V), Njambe (C), Di Rienzo (V), Braconi (C), Puca (C); Espulsi: 34’st Njambe (C) per doppia ammonizione; Recupero: 1’ e 5’.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it