Connect with us

Calcio

Trasferta ad Agnone: attenta Vastese, l’Olympia è in formissima

Published

on

I biancorossi in campo orfani di Amelio, dall’altra parte l’ex Di Meo nelle ultime tre giornate ha centrato altrettanti colpacci

Una domenica ad alto coefficiente di difficoltà. Inutile guardare ai quattordici punti di differenza in classifica per la Vastese quella di domani(fischio d’inizio ore 15), nell’undicesima di ritorno del girone F, al “Civitelle” di Agnone sarà una sfida da temere. Già all’andata l’Olympia all’Aragona fece tremare i biancorossi trascinati dal solito Leonetti autore della doppietta decisiva con il secondo gol all’ultimo secondo di gioco ma in quest’ultimo mese i molisani sono una delle squadre più in forma del momento del girone.

A differenza dei vastesi che nonostante i quattro punti raccolti nelle ultime due giornate senza subire reti sei giorni fa all’Aragona non hanno impressionato per brillantezza, ci si aspettava un’altra prestazione contro la Sangiustese ma tra i tanti sbadigli il gol non è mai arrivato. La classifica parla di un quarto posto a quota 44, tre di ritardo dal terzo posto e altrettanti di vantaggio dal sesto posto. Domani in attacco sicuramente ci saranno Leonetti e capitan Fiore, mister Colavitto dovrà scegliere a chi affidare la terza maglia con una corsa a tre che coinvolge Cherillo, Bittaye e Tedesco. Davanti al portiere Camerlengo oltre al lungodegente Viscardi mancherà il leader del reparto difensivo, Amelio, fermato per un turno dal giudice sportivo, assenza pesantissima, chi lo sostituirà di fianco a Iarocci? Uno tra Maronilli e De Feo, se dovesse toccare a quest’ultimo arretrare il suo posto in mediana di fianco a Pizzutelli e Stivaletta verrebbe preso da Di Pietro. Sui lati toccherà a Cane e De Chiara.

Ad Agnone l’Olympia ha accelerato nel momento più difficile, per molti i molisani sarebbero usciti con le ossa rotte dal trittico Recanatese, Matelica, San Marino ma la realtà ha parlato di sette punti raccolti, pareggiando contro i marchigiani giallorossi e centrando poi una doppia vittoria compresa l’impresa ai danni della capolista. Pino Di Meo, ex allenatore della Pro Vasto, sta cerando di tirare definitamente fuori dalle zone basse i granata, finisse oggi il campionato nonostante il tredicesimo posto ci sarebbe la salvezza diretta perché sono otto i punti di vantaggio dal terzultimo posto, forbice che da quelle parti puntano a confermare fino al termine della stagione. Davanti il pericolo numero uno sarà un altro ex, Domenico Santoro, il classe ’95 di Lesina a Vasto nella passata stagione da gennaio a maggio non ha lasciato traccia ma quando vede biancorosso si trasforma, all’Aragona in stagione tra Coppa e match d’andata ha realizzato due reti. La Vastese andrà in terra molisana con l’obiettivo di mantenere la striscia utile per continuare a muovere la classifica, facile non sarà ma bisognerà provarci.

Questo il probabile undici scelto da mister Colavitto: Camerlengo, Cane Iarocci Maronilli De Chiara, De Feo(Di Pietro) Pizzutelli Stivaletta, Fiore Leonetti Cherillo(Bittaye)

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it