Connect with us

Atletica

Un altro record italiano di categoria: ‘super’ Miriam Di Iorio

Published

on

La velocista vastese fissa il primato nei 200 categoria SF55

Da un primato all’altro, sempre con tanta energia e passione. Miriam Di Iorio non si ferma, anzi, e corre ancora più veloce.

Ieri al Palaindoor di Ancona, in occasione di un secondo meeting nazionale di atletica in questo avvio di 2021, ha stabilito il nuovo record italiano nei 200 metri SF55, fermando il cronometro a 28″16, migliorando il precedente che era di 28″76 per la categoria (il suo personale, in generale, è di 27″60).

Un’altra bella prova ed è comprensibile la soddisfazione. “Sono contenta – dice Miriam Di Iorio -, è arrivato un nuovo confortante risultato che mi dà ulteriore spinta a preparare al meglio il prossimo appuntamento dei Campionati Italiani”. Sempre ad Ancona, dal 5 al 7 marzo prossimi, si gareggerà per i titoli tricolori e la pluridecorata atleta vastese, portacolori e presidente dell’Unione Atletica Abruzzo, già si concentra per questo. “Un mese a disposizione per farmi trovare pronta. L’obiettivo è fare bene soprattutto nella gara dei 60″. Proprio nei 60, due settimane fa, ha stabilito l’altro record italiano di categoria, con il tempo di 8”25. La preparazione e gli allenamenti, nei prossimi giorni, potranno proseguire anche a ‘casa’, sfruttando la disponibilità dello Stadio Aragona, con la preziosa collaborazione della Vastese Calcio.

I successi e le gratificazioni di queste ultime settimane ripagano Miriam Di Iorio delle difficoltà vissute anche a causa di alcuni infortuni che ancora non le permettono di essere al ‘top’ della condizione – “mi piace dire che corro con una gamba e mezza“, scherza – e dei tanti sacrifici per la pratica dello sport in questo tempo del Covid. “Bisogna tener duro – dice ancora – e continuare ad impegnarsi per non spegnere le proprie passioni. Un pensiero, in particolare – conclude – lo dedico ai giovani. Fare sport aiuta tanto e non bisogna mollare mai, anche davanti alle difficoltà che pure ci sono”.

Michele Tana – redazione@vasport.it