Connect with us

Calcio

Vasto, Chieti, Giulianova e Teramo per “Stop football, no football without fans”

Published

on

Anche il tifo organizzato abruzzese sottoscrive il documento contro la ripresa del calcio giocato senza tifo

Gli ultras si fanno sentire.

O meglio, si fanno risentire.

Anche (e soprattutto) in questo periodo senza calcio giocato, nel quale le curve, giocoforza, sono desolatamente vuote.

Il tifo organizzato di 150 club italiani, a cui si è aggiunto anche bel numero di sostenitori di squadre straniere, è stato molto chiaro, almeno negli intenti: non riprendere i campionati di calcio interrotti dalla pandemia.

Stop football, no football without fans” è il titolo del documento che mette nero su bianco le ragioni della protesta dei tifosi i quali chiedono di non fare ricominciare i tornei, prima che sia possibile ripopolare gli stadi.

Dito puntato contro le partite a porte chiuse che definiscono “un controsenso rispetto alla natura stessa dello sport più popolare del mondo”.

Presente anche il tifo organizzato abruzzese all’iniziativa su scala europea; hanno infatti aderito la curva sud di Vasto, la curva Volpi di Chieti, gli ultras 1924 di Giulianova e Quelli della Est di Teramo.

Tra i punti principali del documento il passaggio sul rapporto salute-interessi economici: “I governi hanno dichiarato il lockdown totale, tutelando così la cosa più preziosa che abbiamo: la salute pubblica. Riteniamo più che ragionevole lo stop assoluto del calcio europeo. Invece chi lo gestisce ha espresso un solo obiettivo: ripartire“.

Insomma gli ultras, questa volta, si fanno sentire nuovamente e con una trasversalità nuova e possente che ha una dimensione europea.

Alessio Giancristofaro